NAPOLI – Colonnese Editore inaugura la nuova collana di narrativa contemporanea con il romanzo “La Malanotte” di Giuseppe Pesce, giovedì 24 novembre, a “Made In Cloister”, il cinquecentesco chiostro di Santa Caterina a Formiello, a Napoli – Porta Capuana.Ne hanno discusso il magistrato Enrico Caria (presidente di Sezione del Tribunale Napoli Nord)

; l’avvocato Domenico Ciruzzi (nuovo presidente designato della Fondazione Premio Napoli); lo scrittore Angelo Petrella, il caporedattore di “Repubblica” Napoli, Ottavio Ragone, e la direttrice della Collana “Contemporanea” Rosaria Rizzo. L’attore Nello Mascia ha letto brani tratti dal libro.“La Malanotte”, un romanzo corale, ambientato a Napoli ma lontano da ogni “napoletaneria”; un libro forte e deciso, scritto in uno stile originale e coinvolgente; un racconto del potere e della “non-storia”, della vita e dell’amore.Tutto si muove intorno alla curiosa vicenda dell’ispettore ministeriale Matteo Ricci, giunto a Napoli per indagare sui casi di malamministrazione in Municipio, ma che spossato e turbato da lettere anonime – e ancora di più dalla bella Serena – finisce col ritrovarsi puntualmente per strada nel cuore della notte, ogni notte.Attraversa così la città, sfiorando un lungo carosello di storie e di vite che tutte, in qualche modo, vanno a incrociarsi e sovrapporsi alla sua. Una folla di attori e di comparse inscritte nel grande e (in)dolente disegno di una città senza storia, che sarà clamorosamente sconvolta, come la vita del povero Ricci.L’autore, Giuseppe Pesce (Napoli, 1977), è stato cronista del quotidiano Il Mattino e si occupa di storia e di letteratura meridionale. Ha pubblicato diversi saggi, occupandosi tra l’altro di “Malacqua” di Nicola Pugliese, Antonio Ghirelli, Francesco Proto, Roberto Bracco. Documentarista per “La storia siamo noi” (RAI) ha ricostruito la grande storia dell’Alfasud di Pomigliano d’Arco e le vicende della Sacra Corona Unita pugliese.

{youtube}n7fh684k–c{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments