Malafemmena, all’Auditrium Novecento celebrati i 70 anni della canzone (VIDEO)

0

NAPOLI – I 70 anni di Malafemmena celebrati all’Auditorium Novecento Napoli, laddove nacque a inizio ‘900 la casa discografica Phonotype, con una conversazione/live ideata dall’associazione Giano Bifronte presieduta da Paolo Nappi. La poesia-emblema di un amore vorticoso, romantico, disperato, firmata e composta da Totò nel 1951, per la sua signora Diana Bandini Rogliani, ha già scavalcato il XX secolo e diventa ogni giorno che passa il ritratto di un sentimento magico che dalla pagina scritta ha preso forma su uno spartito musicale, facendosi manifesto della cultura napoletana nel pianeta. Un pomeriggio moderato dal giornalista Alfredo D’Agnese, con la nipote di Totò Elena Anticoli de Curtis, il sociologo Luigi Caramiello e lo studioso Ciro Daniele. Presentato in anteprima live il progetto Totò Poetry Culture di Gianni Valentino e Lello Trama, che hanno proposto alla platea un coinvolgente show case, con rielaborazione degli scritti del Principe in musica elettronica. Al termine dell’incontro è stato presentato anche uno speciale annullo filatelico dedicato al 70° anniversario di Malafemmena realizzato ad hoc da Poste Italiane su bozzetto della graphic designer Tonia Peluso.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments