NAPOLI – ‘Guaglione’ diventa arabo e prende in giro i toy boys contemporanei: interpretato dalla cantante maghrebina M’Barka Ben Taleb il celebra brano, lanciato da Aurelio Fierro nel 1956, fa parte della colonna sonora del film ‘Non c’è più religione’,di Luca Miniero, con Angela Finocchiaro, Alessandro Gassman e Claudio Bisio, nelle sale da domani.Contenuto nell’album ‘Passion Fuit’

il brano è stato tradotto in lingua araba da Lili Boniche ed è un omaggio alle storiche versioni del successo di Fierro e Dalida.M’Barka Ben Taleb, già diretta da John Turturro in ‘Passione’ e in ‘Gigolò per caso’ nel suo album gioca con le lingue, passando dal francese all’italiano, dal napoletano all’arabo, ma anche con i ritmi e i beat. L’album contiene 6 cover di grandi successi nazionali e internazionali, reinterpretati al femminile con ironia e sensualità, e 3 brani inediti nati dall’incontro con il maestro della nuova canzone napoletana, Enzo Gragnaniello, il beatmaker Tonico ’70 e il chitarrista Fausto Mesolella.(ANSA)

{youtube}1lEVfBorHsY{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments