NAPOLI – Prosegue il Napoli Jazz Fest, la festa del jazz napoletano che nell’Antico Refettorio del Complesso Monastico S. Maria in Gerusalemme – Monastero delle Trentatrè (via Armanni 16), nel cuore del centro storico di Napoli, presenta due appuntamenti di grande spessore. Venerdì 25 novembre alle ore 20,30 di scena sarà Vincenzo Danise piano solo protagonista del live Ajayô– Vuless’o cielo (titolo anche del suo ultimo album.)

Attraverso le sue note, Vincenzo Danise propone composizioni originali, che sono state elaborate durante il lungo lockdown, e brani della tradizione napoletana come ‘Torna Maggio’ , messicana come ‘Llorona’ e brasiliana e jazzistica come ‘O Bebado e a equilibrista’: “il concetto che ho voluto rappresentare – spiega il nusicista – è quello della speranza. Speranza che nei progetti del cielo (inteso in ampia rappresentazione: divinità, destino, universo, ecc.) ci sia l’annullamento delle distanze, di qualunque tipo, non solo quelle dovute a profilassi mediche, come il distanziamento causato dalla pandemia: distanze culturali, distanze sociali ed economiche, distanze religiose. E quindi, Ajayò – Vuless’ o cielo’ potremmo tornare ad abbracciarci, uomo e uomo, donna e donna, religioni diverse, culture diverse, divinità diverse, vestiti diversi, ovviamente in questo momento
particolare in cui la distanza sociale è imposta dalla necessità di evitare contagi, il significato diventa più forte”.
Sabato 26 novembre, sempre alle ore 20,30 sarà la volta di D’Errico – Ferreira – Martino trio (F. D’Errico piano – A. Ferreira c/basso– G. Martino sax).
Il trio nasce di recente in occasione di un omaggio musicale ad Armando De Stefano, pittore particolarmente attento e sensibile all’arte del jazz. Il repertorio del gruppo prende le mosse prevalentemente dalle composizioni di Bill Evans e da uno dei concetti musicali che più ha pervaso fin dall’inizio il fare musica del celebre pianista e del suo trio: l’interplay. Con questo termine si indica un modo, un’attitudine del suonare insieme, un metodo per affrontare le increspature dell’estemporaneità proprie della creatività del jazz. Ascolto attento e profondo che, mettendo in gioco competenze musicali e artigianato legando tra loro i musicisti in dialogo con il pubblico
Il Napoli Jazz Fest diretto da Michele Solipano, gode del Patrocinio Morale del Ministero della Cultura, della Regione Campania e della Città Metropolitana di Napoli.
Posto unico a sedere €. 10.00 + prev. Biglietti in vendita presso le prevendite abituali; 081.7611221 – 081.5568054 – 081.5564726 – 081.5519188
On line su www.ticketone.it- www.go2.it – www.napolijazz.it
Link per acquisto biglietti online
25 Novembre 2022 ;
https://www.ticketone.it/…/napoli-jazz-fest-2022…/
26 Novembre 2022 ;
https://www.ticketone.it/…/napoli-jazz-fest-2022
Parcheggio custodito nelle immediate vicinanze del teatro cisto 5.00 euro dalle
20 alle 24 FB ; Napoli Jazz Club Gruppo FB ; Quelli del …….napoli jazz club Addetto Stampa “Napoli Ja
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments