ottetto_toscana

NAPOLI – Domenica 6 marzo 2016 alle ore 18.00 presso la Chiesa Anglicana di Napoli, il “Maggio della Musica” ospita l’Ottetto d’archi dell’Orchestra Regionale della Toscana in un concerto decisamente ricercato quanto raro. Il programma propone due capisaldi della letteratura per tale organico (un “quartetto doppio” composto da quattro violini, due viole e due violoncelli):

l’Ottetto per archi op. 20 di Felix Mendelsshon Bartholdy, e l’Ottetto pubblicato postumo di Max Bruch. Fu proprio Mendelssohn a varare tale organico con questa sua opera, che sebbene composta a soli sedici anni, rivela precocemente il genio dell’autore, attraverso una scrittura matura e complessa, che ha peraltro un respiro sinfonico (“va suonato da tutti gli strumenti nello stile di un’orchestra”, scrive Mendelsshon). L’Ottetto di Bruch, invece, appartiene al Novecento musicale ma conserva tracce tipiche dello stile e del linguaggio mendelsshoniano, modello di romanticismo a cui tale autore si è sempre ispirato. Il concerto rientra nella stagione 2015 del Maggio della Musica. La programmazione artistica 2016 partirà il prossimo 5 maggio, e prevede tredici appuntamenti fino a ottobre, tutti nella Villa Pignatelli di Napoli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments