NAPOLI – Un viaggio musicale attraverso gli umori della nostra umanità in cammino, che in questi anni ha gridato e cantato tante volte “Open the borders” (Apri i confini), emigrando in cerca di una vita migliore. Venti d’oriente- Soffi di umanità in cammino è il secondo disco – il primo da solista- del chitarrista napoletano Sergio Esposito il cui lavoro musicale è strettamente legato all’impegno sociale e solidale. Il cd sarà presentato giovedì 21 dicembre alle 21.00 al Kestè, in Largo San Giovanni Maggiore Pignatelli 26, Napoliin un concerto con la nuova band di Sergio Esposito, Blue Caravan con Raffaele Cardone alle chitarre e basso e Federica Sciola alla batteria.

Ingresso libero.

Venti d’oriente – Soffi di umanità in cammino è un percorso musicale in nove tracce, impronte che attraversano la storia travalicando i muri per andare oltre i sentieri già battuti, passando per il jazz, il rock, il blues, il classico mixati grazie raffinati effetti sonori. Il disco registrato negli studi Illimitarte di Villaricca è il primo da solista del chitarrista Sergio Esposito dopo l’EP Revoluciòn humana realizzato con il gruppo Malaika di cui è fondatore.

Le nove tracce: 1) Breaths (intro) 2) Human (Crescendo) 3) Beating silences 4) Guerre in mare 5) Echi di speranza 6) Venti d’oriente 7) Breaths (finale) 8) Bessie’s blues

9) Woman hairs.

I link di due pezzi che si possono ascoltare in anteprima su youtube sono:

Beating Silences https://www.youtube.com/watch?v=ZSzpvqvxvQI

Bessie’s Blues,dedicata a Bessie Smith e alle prime grandi vocalist jazz: https://www.youtube.com/watch?v=-mIbw0geqB8

L’immagine di copertina di Venti d’oriente- Soffi di umanità in cammino è della pittrice napoletana Francesca Di Martino che ha curato anche la grafica del cd.

Biografia

Chitarrista, compositore e arrangiatore Sergio Esposito nato a Napoli nel 1976, incomincia a studiare chitarra classica all’età di otto anni. Successivamente approfondisce lo studio della musica moderna, studiando da autodidatta prima blues e rock, poi jazz con vari maestri, in particolare Aldo Farias, Giancarlo Perna e Bruno Persico. Nello stesso tempo continua gli studi classici con Bruno Benvenuto e Ciro Gentile mentre approfondisce la conoscenza dell’armonia con Alfredo Tarallo e Giusto Pappacena. Si specializza in chitarra classica al Conservatorio “G. Martucci” di Salerno con una tesi sulla musica sudamericana (nello specific su Villa Lobos, Barrios Mangor è e Astor Piazzolla).

All’inizio degli anni 2000 fonda il gruppo Neovino, con Daniela Esposito e Dario Perroni, tra gli altri. Con questa formazione, accompagna Eugenio Bennato durante il Festival Interetnico dell’associazione 3 Febbraio all’inizio del 2000. Nel 2013 incide il primo EP Revoluciòn humana, con il gruppo Malaika, di cui è fondatore, insieme a Pino Ruffo. Con questa formazione, apre il concerto di Peppe Barra a Pozzuoli (NA), nel dicembre del 2011.

Nel 2016 fonda un nuovo gruppo, con il chitarrista e polistrumentista Luca Mohan Di Sieno, attualmente denominato Tzigana, che esordisce in concerto al Palazzo Venezia di Napoli nel maggio dello stesso anno. Sempre nel 2016 pubblica due saggi su Bela Bartok e Richard Strauss nel libro di Fabio Beltrame, Eroi, traditori e complici nell’inferno nazista, pubblicato da Prospettiva Edizioni.

Nel marzo del 2017 accompagna il tenore ivoriano Julien Fadio al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, nell’ambito del progetto “Arte e Accoglienza” dell’Associazione Interetnica ed Antirazzista 3 Febbraio.

Ha collaborato per le musiche a diversi spettacoli teatrali con registi come Vincenzo Maria Saggese e Emilio Massa e ha suonato in numerose rassegne: Settembre al borgo di Benevento, Agorà Jazz Festival di Giugliano (NA), Festival alla Casa della Cultura di Vallombrosa (FI), Fasti Verulani di Veroli (FR), Lucania Buskers Festival (PZ), Giorni delle Calende, Festival Interetnico dell’Associazione Tre Febbraio, Festa Europea della Musica di Napoli, Festival della Filosofia in Magna Grecia di Ascea (SA), Umbra Forest Folk (FG).

Da vari anni svolge un’intensa attività didattica con corsi e laboratori di musica d’insieme presso scuole e rassegne di vario tipo, a Napoli ed in Campania in particolare. Scrive periodicamente articoli musicali riguardanti jazz, classica, rock e altro sul quindicinnale La Comune, giornale umanista socialista. 

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments