Max20Prandi2020Lino20Muoio20-colore

NAPOLI – Un trio d’eccezione, frutto di un neonato progetto pieno di anima e di blues. MAX PRANDI chitarra e voce, LINO MUOIO mandolino, FRANCESCO “SLEEPY” MIELE, contrabbasso.

Venerdì 4 maggio 2018 secondo appuntamento al Lanificio25 (piazza Enrico de Nicola 46) con la prima edizione del “Nastro Azzurro May Live” (ingresso libero). Sul palco lo storico bluesman italiano Max Prandi (chitarra) che con Lino Muoio (mandolino) e Francesco “Sleepy” Miele al contrabbasso presentano live il nuovo cd che racchiude i classici del blues, del soul e del rock (“Max Prandi & Lino Muoio Vol.1”).

Max Prandi oggi giunto all’apice di una gloriosa carriera artistica può vantare collaborazioni con importanti artisti blues quali Fabio Treves, Arthur Miles, R. L. Burnside, Ronnie Jones, Cooper Terry. Ispirato dal suo amore per il North Hill Mississippi Sound e per tutti gli artisti . Down Home Blues. Prandi, sulla scena blues italiana da tanti anni, riconosciuto come uno di quegli artisti con la musica nel profondo dell’anima e una voce soul che esprime tutto il calore del sound delle radici, incrocia le corde di Lino Muoio, mandolinista dal tocco raffinato, capace di esprimere un superbo feeling col suo Key anni 60, e di estrarne quel suono così gustoso e distintivo del suo modo di suonare. Francesco Miele, al contrabbasso, se ne sta in sordina a fare la ritmica, ma dimostra di sapere il fatto suo in più di un’occasione (splendido l’assolo su Elvis). I due, già compagni d’avventura nei Blue Stuff, si muovono in sintonia e si uniscono alla chitarra di Prandi in un intreccio quasi perfetto. Soul, tanto soul: da Bill Whiters a Otis Redding, da Aretha Franklyn a James Brown, evocando persino Prince in una personale versione di The Cross (sullo stile dei Blind Boys of Alabama) e suonandoci Everybody’s Talking di Harry Nilsson. Un repertorio che riporta alle radici, capace di creare magia ed emozioni, un vero e proprio “viaggio esperienziale nella cultura afro americana”, come dichiarano gli stessi musicisti nella scheda di presentazione, “dal rispetto e dal sincero amore per le radici delle sonorità più ancorate al soul e al blues”. Prima di loro sul palco lo scrittore e cantautore Valerio Bruner accompagnato da Andrea Russo; insieme ripercorreranno i brani del loro Ep “Down the river” lungo i tragitti del cantautorato americano.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments