NOLA – Doppio appuntamento a Nola con la cultura e l’intrattenimento. Dopo due anni di stop, ritorna in scena il premio letterario “Il Candelaio” promosso dal circolo culturale Passepartout e riservato agli alunni delle scuole del territorio.

L’importante riconoscimento è ispirato al libero pensiero di Giordano Bruno, il filosofo arso vivo in Campo de’ Fiori a Roma il 17 febbraio del 1600 ed a cui Nola ha dato i natali.
Nel segno dei suoi ideali, l’associazione nolana di cui è referente la nolana Rosa Barone, promuove ogni anno l’evento letterario rivolgendo lo sguardo ai ragazzi, destinatari del progetto, che scelgono i testi da leggere incontrando e premiando successivamente gli autori.

L’iniziativa, per l’edizione 2022, si articolerà in due appuntamenti: il 22 aprile ed il 6 maggio. Due serate di cultura, condotte dalla giornalista Autilia Napolitano, ma anche di intrattenimento musicale con Diana e Claudio, gli ambasciatori della posteggia napoletana nel mondo, ed il vignettista napoletano Peppe Avolio.

Ad ospitare la manifestazione sarà il museo storico archeologico di Nola, che ha patrocinato l’evento, diretto da Giacomo Franzese. A ricevere il riconoscimento (che richiama un’effige in bronzo ispirata all’opera di Bruno e realizzata interamente in bronzo dalla fonderia Del Giudice di Nola) saranno, venerdì 22 aprile, l’attrice Maria Grazia Cucinotta, la scrittrice e giornalista Titti Marrone, il cantautore e leader degli Almamegretta, Gennaro Della Volpe in arte Raiz; e poi ancora, per la sezione sportiva Salvatore Biazzo e Corrado Ferlaino.

Venerdì 6 maggio, invece, a salire sul palco, il virologo Matteo Bassetti, gli scrittori Maurizio Ponticello ed Isaia Sales; il parlamentare Paolo Siani, l’attore Giovanni Esposito e Simonetta Gola, vedova del fondatore di Emergency, Gino Strada.

“Ripartiamo più carichi e motivati di prima – dichiara Rosa Barone del circolo culturale Passepartout – un’emozione indescrivibile, soprattutto ritornare nelle scuole ed accompagnare i ragazzi nella scelta dei libri da leggere. Quest’anno abbiamo messo su un parterre variegato che dà spazio e voce a storie forti e coinvolgenti in cui il ricordo si mescola alla memoria. Senza tuttavia tralasciare i momenti di leggerezza che sapranno amalgamarsi alle note culturali delle due serate. Quest’anno infatti il premio raddoppia con ben due appuntamenti per consentire alle platee scolastiche di partecipare nel rispetto delle regole del distanziamento. Ringrazio le scuole che hanno accettato l’invito ma anche gli sponsor – continua – che ci hanno affiancato e senza i quali tutto ciò non sarebbe potuto succedere. E mi riferisco alla fondazione Hyria Novla, al gruppo imprenditoriale Napolitano Case, a Snie Energy, alle associazioni Mamma Nola, Amiamola e Fidapa, al Lions Club ‘Nola Host Giordano Bruno” ed al Rotary Club ‘Nola Pomigliano D’Arco”.

Le scuole che hanno aderito al progetto sono, invece, il liceo Albertini di Nola; l’istituto Masullo Theti di Nola; il liceo “Medi” di Cicciano; il liceo “Torricelli” di Somma Vesuviana; il liceo “Colombo” di Marigliano ed il liceo “Durante” di Frattamaggiore.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments