NAPOLI – È stata presentata presso la sala del Consiglio della Città Metropolitana di Napoli, in Santa Maria la Nova 43, la prima edizione di “Luoghi abitanti”. La kermesse di cultura e turismo, promossa dall’Associazione Culturale Premio Elsa Morante, insieme alla Città Metropolitana di Napoli, è stata illustrata da Tiuna Notarbartolo, direttrice del progetto, Antonio Parlati, Direttore Rai Napoli, Antonio Sabino, Sindaco di Quarto, delegato al patrimonio della Città Metropolitana, Anna Capasso, Dirigente al Patrimonio della Città Metropolitana, Ottavio Lucarelli, Presidente Ordine dei giornalisti,  Giuseppe Ossorio, Fondazione Regioni d’Europa, e il maestro Luigi Grossi autore di una delle mostre inaugurate nella mattinata.

In apertura la Notarbartolo ha illustrato il ricco programma, dopo di lei il direttore Parlati si è detto entusiasta della riuscita di questo nuovo evento in cui la Rai è partner con l’Associazione Premio Elsa Morante.

Ha proseguito Giuseppe Ossorio ricordando di quanti e bei luoghi “abitanti” napoletani ci sono, al momento abbandonati a loro stessi e che andrebbero fatti rivivere proprio attraverso arte cultura e spettacolo. A portare i saluti dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, è stato il presidente Lucarelli che ha sottolineato il ruolo di stimolo che i giornalisti possono e devono avere in una rivalutazione dei luoghi proprio con manifestazioni del calibro di “Luoghi abitanti”. Dopo i saluti del maestro Grossi, ha preso la parola la dirigente al Patrimonio Anna Capasso che ha sottolineato l’importanza di una kermesse assolutamente originale che riporta i magnifici luoghi del patrimonio cittadino alla ribalta delle cronache e li apre alla fruizione delle persone.

In chiusura il sindaco di Quarto, Antonio Sabino, delegato al Patrimonio e Beni Comuni per la Città  Metropolitana di Napoli, portando anche i saluti del Sindaco Manfredi, ha posto l’accento sul valore anche di pietra miliale di “Luoghi abitanti” che apre, con queste  date, una prima edizione destinata a susseguirsi di anno in anno, allargandosi sempre più a territorio e territori, con un’offerta di arte, cultura e spettacolo di grande qualità e varietà.

A seguire sono state inaugurate le due mostre personali di del Maestro Luigi Grossi “Napoli e la tavola Grossi”, e la personale del pittore siciliano Giuseppe Notarbartolo titolata proprio “Luoghi abitanti”.

Infine Tjuna Notarbartolo ha ricordato i partner di questa edizione che vanno da La Dante in Cambridge, European Cultural Centre, a Napoli Città della Musica, Argentalia, Associazione Alto Casertano, Giannini Editore, Comune di Quarto, e comune di Chiaianello.

Nel pomeriggio si è tenuta, nella stessa sala del Consiglio, il talk “Luoghi dell’anima” cui hanno preso parte  lo scrittore Lorenzo Marone, il musicista Antonio Onorato, il produttore creativo di “Un posto al sole” Fabio Sabbioni, il pittore Luigi Grossi. A condurre l’intenso dibattito sono stati Tjuna Notarbartolo e Antonio Parlati.

“Un paese non ce l’ho, e l’arei voluto, foss’anche solo per il desiderio vanesio di tornarvi, a mostrare d’essere riuscito nella vita! Ma ne porto comunque uno dentro, che in verità m’ha visto poco crescere…” queste alcune delle  parole di  Marone che si riferisce Teggiano, un piccolo centro medievale del Cilento.  Il suo posto ideale potrebbe essere dunque, più un borgo che una città ma comunque un luogo dove ci si sente bene e si trova un proprio centro, dove si smette di vivere anestetizzati dal semplice scorrere del tempo.

“Napoli è una città molto estroversa e rappresenta perfettamente un luogo abitante perché abita le persone”, ha dichiarato Sabbioni. Trasferitosi da Bologna per lavorare come produttore creativo di Un Posto al sole, Fabio Sabbioni, ormai si sente a casa nella città partenopea. “Il luogo dell’anima è dove sei libero, dove ti riconosci e dove conosci. Dove non rischi di inciampare e dove terminano i tuoi tentativi di fuga”, ha detto.

Per Onorato invece, il luogo ideale è quello dal quale ci si sente irrimediabilmente attratti, per lui è l’America dei nativi, gli Indios,  di cui ama profondamente la cultura, le tradizioni e la storia, tanto da sentirsi una reincarnazione di un di loro.

Il maestro Grossi si è soffermato invece su  Napoli, le cui atmosfere ed umori  sono stati  rappresenta con i colori e la sua arte. “Napoli è il mio luogo dell’anima -ha dichiarato-. Il viaggio più lungo che ho fatto è stato dal quartiere sanità ai quartieri spagnoli, ma in quel breve tratto ho assorbito e restituito incredibili colori ed emozioni”.

La kermesse prosegue sabato 26 novembre.  La mattina  è stata dedicata ai più piccoli: i bambini dai 4 ai 12 anni che hanno partecipato al laboratorio di pittura “Dipingere luoghi”, a cura della Zebby animazione, che, con Alice ed il Cappellaio Matto hanno intrattenuto piccoli ospiti nel “Paese delle meraviglie”.

Alle ore 16.30 sarà la volta di luoghi rappresentati in canti e balli. Lo spettacolo narrato, curato da Gisela Otermin, prevede “Il tango e l’Argentina” con i Maestri Donato Cuocolo e Daniela Daf Moretto, dell’Associazione Napoli Tango, “Canti campani” di Damiana Canonico e, per finire, “Il flamenco e la Spagna” con la bailora Simona Cutolo, di Duende Centro Danza. L’INGRESSO È LIBERO.

Info e prenotazioni alla pagina facebook www.facebook.com/luoghiabitanti, e alla pagina instagram premioelsamorante

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments