ERCOLANO – Conferenza stampa di presentazione stamane del programma di eventi ed iniziative culturali, presso lo Space Gallery del M.A.V. Museo Archeologico Virtuale in Via IV Novembre 44, Ercolano.

Una nuova avventura targata Gabbianella club srl, la società che ha assunto la gestione del Teatro del M.A.V. di Ercolano.

Gabbianella club, con il suo manager Gianluigi Osteri, opera in modo stabile nel settore dello spettacolo e dell’organizzazione eventi dal 2013, curando per conto di enti pubblici e privati la programmazione artistica, la produzione e l’organizzazione di eventi e kermesse culturali e offrendo servizi per lo spettacolo quali allestimenti, service audio-luci, accoglienza. Inoltre dal 2016 gestisce il Teatro Cinema Gelsomino del Comune di Afragola.

La società ha realizzato numerose iniziative culturali in siti di interesse storico-architettonico, tra cui il polo museale di Pietrarsa, il Parco Archeologico di Ercolano, il Maschio Angioino. Nell’ultimo triennio si è aggiudicata numerosi bandi di gara del Comune di Napoli per l’organizzazione degli eventi estivi finanziati con Fondi POC 2014-2020 gestendone ogni aspetto tecnico ed organizzativo.

“La gestione del Teatro M.A.V. è per noi una nuova sfida, una nuova storia da costruire in sinergia con le forze territoriali. Vogliamo contribuire a estendere le proposte culturali già offerte dal M.A.V. ,un luogo stabile e funzionale dedicato alla cultura, all’arte e all’incontro, inserito nel tessuto sociale di Ercolano e del territorio vesuviano” dichiara Osteri, che aggiunge: “Il nostro intento è di costruire un palinsesto di spettacoli ed eventi culturali con attenzione alle diverse generazioni, creando un’offerta differenziata con proposte di musica, cinema, prosa, drammaturgia, danza e di aprire il teatro alle proposte e alle iniziative delle realtà associazionistiche e artistiche locali”.

Il perché di questo titolo viene esplicitato da Nino Daniele, a cui viene affidata la collaborazione culturale M.A.V.

“Abbiamo scelto questo titolo ispirandoci al più recente rinvenimento che ha riguardato il sito archeologico di Ercolano. La ripresa degli scavi a Ercolano dopo 25 anni inizia a portare frutti. Il primo è la scoperta dello scheletro di un uomo in fuga travolto sulla spiaggia dalla valanga di fuoco e gas sputata dal Vesuvio in eruzione.
Il teatro è quello dell’antica spiaggia della cittadina, lo stesso luogo dove nell’ultima sistematica campagna di scavi, condotta negli anni ’80 e ’90 del Novecento, vennero riportati alla luce, ammassati nei piccoli magazzini affacciati sull’antico arenile, i resti di più di 300 fuggiaschi che avevano cercato riparo.
Autore di quel sorprendente ritrovamento che cambiava la storia del sito archeologico nel sito in cui l’archeologia aveva avuto inizio nella prima metà del Settecento era stato Giuseppe Maggi.
In primo luogo per rammentare a tutti in quale meraviglioso luogo ci troviamo, come diceva Aristotele la conoscenza nasce dalla Meraviglia.
Voglia di ripartire, voglia di vita. Una vita con più senso e con più bellezza. Vita. Consapevoli del significato e del valore particolare del pronunciare qui questa parola anche in queste ore.
Non a caso abbiamo scelto come traccia sonora la canzone di Morandi e Dalla “ Vita”. Qui dove il virtuale è prologo conoscitivo e filo di Arianna per incontrare le vestigia del passato e andare nel reale della storia, alle radici dell’umano.
Il virtuale è al servizio del reale, del vissuto e del viventi”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments