POMPEI – Prende il via la prima edizione del Pompei Street Festival. Domani, venerdì 24 settembre alle ore 16,00 il taglio del nastro nella Sala Marianna De Fusco aprirà ufficialmente una manifestazione ambiziosa. L’intuizione del suo ideatore e direttore artistico Nello Petrucci è di trasformare le strade della cittadina vesuviana in un motore culturale, punto di incontro tra il pubblico e gli artisti e contenitore di street art, musica e cinema.
La cultura e lo spettacolo si sposeranno a una forte componente sociale ambientalista e lanceranno un messaggio universale sostenuti dall’associazione Civitates Pompei.
Curata da Chiara Canali, la sezione Arte comincia alle 17 nella Via Sacra con la sezione Street Museum: un’azione di Live painting WAS che si concluderà alle 21; Art No Stop mostrerà i Murales di M-City in Piazzale Schettini e di Francisco Bosoletti in via Lepanto; infine presso la Fonte Salutare il Collettivo CIAN presenterà l’installazione “Tartaruga” realizzata con materiali di riciclo.
Il programma della sezione Cinema a cura di Andrea Valentino comincia alle 9,30 nel Teatro di Costanzo Mattiello con il workshop “Vivere i luoghi dell’arte”: gli studenti delle scuole di Pompei incontreranno professionisti del cinema e archeologi; la Casa del Pellegrino ospita dalle 15,20 in poi le proiezioni dei film in concorso presentati da Mariasole Di Maio e divisi nelle sezioni Short, Doc, Pov e Napoli; alle 17 appuntamento Teatro di Costanzo Mattiello con il Focus sul cinema d’impegno civile: il film “Nel Paese di Temporali e Primule” di Andrea D’Ambrosio darà spunto per un incontro moderato da Orazio Cerino. La giornata dedicata al grande schermo si concluderà nella Casa del Pellegrino alle 19,30 con la proiezione di “Zu den sternen” di Nicolai Tegeler.
Infine la sezione Musica diretta da Alfonso Todisco: sul Palco Fonte Salutare dalle 17 per la sezione New Projects si esibiranno Ciro Maddaluno, Maedusa Rock Band, Lorenzo Sbarbati e Diisa.
Alle 21,30 il finale della giornata nel Chiostro Istituto Bartolo Longo con l’Antonio Onorato New Quartet che ospita il cantautore Bret Roberts. Prima del concerto un intervento di Pasquale Coppola, presidente di Trame Africane Onlus, sottolineerà il forte elemento sociale dell’intera rassegna.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments