CASERTA – E’ l’opera di Igor Stravinskij Pulcinella (balletto in un atto con canto), il terzo appuntamento in programma alla Reggia di Caserta, per la quarta edizione di “Un’estate da Re. La Grande Musica alla Reggia di Caserta”, la rassegna voluta e finanziata dalla Regione Campania, con la direzione artistica affidata al Maestro Antonio Marzullo.

Realizzata in collaborazione con il MIBAC e con il Comune di Caserta, la rassegna è organizzata e promossa dalla Scabec, la società inhouse della Regione, e si avvale della collaborazione del Teatro di San Carlo di Napoli e del Teatro Municipale “Giuseppe Verdi” di Salerno.

Venerdì 13 settembre, alle ore 19,30 in scena Pulcinella di Igor Stravinskij, coreografia, regia e costumi Francesco Nappa e le installazioni scenografiche di Lello Esposito.

Sul palcoscenico dell’Aperia, Pulcinella sarà Danilo Notaro, Pimpinella Giovanna Sorrentino, Furbo, invece, sarà il neo-vincitore del prestigioso “Premio Positano Léonide Massine” Salvatore Manzo, e Alessandro Staiano vestirà i panni del Capobanda. La produzione è del Teatro di San Carlo.

Pulcinella è un balletto che Igor Stravinskij compose nel 1919 su musiche di Gian Battista Pergolesi o a lui attribuite. Rappresentato per la prima volta all’Opéra di Parigi il 15 maggio 1920, Pulcinella nella sua versione originale ha le firme di Léonide Massine per le coreografie e di Pablo Picasso per le scene. Il balletto si svolge in uno scenario da commedia dell’arte e qui Stravinskij imprime alla sua musica un gesto inconfondibile e geniale che apre la porta alla svolta “neoclassica”.

Il Pulcinella proposto è una produzione del Massimo napoletano a firma di Francesco Nappa per le coreografie e, quasi a ricalcare la tradizione, per le scenografie è stato chiamato il celebre artista Lello Esposito che per l’occasione ha creato ben 140 installazioni. “Il mio Pulcinella – afferma Nappa – è una maschera senza maschera, non più burattino buffo e goffo, ma un uomo che cerca affannosamente e alla fine ritrova il suo grande amore”. Anche dal punto di vista musicale lo spettacolo prevede delle incursioni in un altro genere: infatti alcune parti si intersecheranno con la musica elettronica.

Un’estate da Re. La grande musica alla Reggia di Caserta è una rassegna nata dall’idea del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nel 2016 di creare un evento che promuovesse allo stesso tempo sia la Reggia come monumento da valorizzare sia le eccellenze musicali presenti in Campania, “Un’Estate da Re. La grande musica alla Reggia di Caserta” oggi è diventato un appuntamento fisso nella stagione estiva, di grande richiamo anche turistico, grazie ad una programmazione di altissimo profilo e alla location di grande fascino: il meraviglioso emiciclo sotto le stelle dell’Aperia, situato nella parte alta del parco reale, incastonato nel Giardino Inglese e restaurato anno dopo anno proprio grazie al festival.

Prima di ogni spettacolo è possibile effettuare una visita guidata al Giardino Inglese della Reggia di Caserta prenotandosi tramite sito Eventbrite a questo link http://bit.ly/2Zle5P9.

L’Aperia si può raggiungere da Piazza Carlo III dove è in funzione un servizio navetta a ciclo continuo (a partire dalle 17.45 alle 19.15) che accompagna gli spettatori fino alla fontana di Diana e Atteone o dall’ingresso lato San Leucio in via Maria Cristina di Savoia con possibilità di parcheggio autonomo.

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami