Maschio-Angioino1

NAPOLI – La scoperta della presenza del Graal al Maschio Angioino e l’apertura di luoghi finora mai esplorati all’interno di Castel Nuovo, sono lo spunto che condurrà dal prossimo 2 ottobre e fino al mese di maggio del 2017 appassionati e curiosi, attraverso percorsi e visite guidate, in una realtà finora completamente ignota.Tutto grazie a un accordo tra l’amministrazione comunale del sindaco Luigi de Magistris e l’associazione Ivi (Itinerari Video Interrativi), che segue una specifica delibera proposta dall’assessore alla Cultura del Comune di Napoli, Nino Daniele, e approvata dalla giunta.

Una delibera che apre uno dei luoghi simbolo della città, con una serie di iniziative che – grazie anche a parte dei fondi raccolti – permetterà in futuro di realizzare opere di riqualificazione che riguarderanno proprio il Maschio Angioino.Il progetto si chiama “Il Graal al Maschio Angioino”. I ricercatori di Ivi, attraverso studi approfonditi, hanno trovato tracce inequivocabili della presenza del Graal al Maschio Angioino.Tre le visite guidate che partiranno domenica 2 ottobre (visite programmate ogni ora dalle 9 alle 13), destinate ad arricchirsi con il passare dei mesi: Ivi propone, sulla base di sue originali ricerche, un percorso esoterico che dall’Arco di Trionfo porterà alla Sala dei Baroni.Sarà poi inaugurato un nuovo itinerario che dagli spalti conduce ad una cannoniera e alle antiche prigionia a cura dell’associazione Timeline Napoli, e infine un percorso speleologico curato da HyppoKampos Adventure che condurrà i visitatori più temerari, attraverso un pozzo, alla base di una delle torri del castello.

{youtube}rakV8upDFKo{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments