fabrizio_santafede

NAPOLI – Dopo il successo dei primi due appuntamenti con il Professor Luigi Gallo e la Professoressa Alfredina Storchi, martedì 14 marzo (h 17.30) alla Basilica dello Spirito Santo, Napoli tornerà al centro del terzo seminario, incluso in un ciclo dedicato ai diversi periodi storici che l’hanno vista protagonista. “Napoli, storia di una città: dalle origini all’età contemporanea” è il titolo del ciclo di cinque seminari che, iniziati il 3 marzo, continuano martedì 14 marzo con la Napoli Medievale, descritta dal Professor Giovanni Vitolo, docente di Storia Medievale presso l’Università di Napoli Federico II.

Gli incontri successivi saranno condotti dal Professor Luigi Mascilli Migliorini (22 marzo), docente di Storia Moderna presso l’Università di Napoli L’Orientale e dalla Professoressa Francesca Canale Cama (29 marzo), docente di Storia Contemporanea presso l’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli. Scrive il Professor Vitolo, in una nota sul seminario:  – La Napoli dell’Alto Medioevo che, con la sua lunga lotta per difendersi da Longobardi e Saraceni, ispirava a Benedetto Croce «ricordi eccitanti a patriottica compiacenza», già verso la fine del IX secolo era celebrata nella premessa alla Vita del vescovo Atanasio I per l’amenità e la sicurezza del sito, la potenza delle strutture difensive e il fervore religioso degli abitanti. Ultima città del Mezzogiorno ad entrare a far parte nel 1139 del Regno di Sicilia, all’interno del quale mantenne una sua identità, vide crescere in età angioina la sua importanza con la concentrazione in essa degli uffici centrali dell’amministrazione statale, la formazione di nuove colonie di mercanti stranieri e lo splendore della vita di corte. Nella seconda metà del Quattrocento, con i sovrani aragonesi Alfonso e Ferrante, conobbe più vivaci dinamiche politico-sociali ed economiche, configurandosi come un vero e proprio laboratorio di riforme che investirono l’intero Mezzogiorno. -L’intento degli appuntamenti è prettamente divulgativo, in continuità con lo spirito di apertura della Basilica dello Spirito Santo. L’idea è di permettere alla cittadinanza di conoscere la storia e i luoghi, come la Basilica, che rendono unica Napoli. I seminari sono ad ingresso libero (è consigliata la prenotazione) e aperti a persone di tutte le età, turisti e non, che abbiano curiosità e desiderio di saperne di più della magica Partenope. L’organizzazione del ciclo dei seminari è a cura dell’Associazione Medea Art.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments