L’incontro di due storie fortemente radicate nella memoria degli italiani che, caso ha voluto, si sono svolte negli stessi giorni: la vicenda di Alfredino Rampi e quella
di Roberto Peci. La mano di Veltroni guida un racconto emozionante e coinvolgente a due voci che chiede di riflettere sull’ingresso prepotente della televisione nelle nostre vite.
Lo spettacolo ripercorre i momenti delle due storie con la volontà di risvegliare la memoria emotiva collettiva e trarre insegnamenti dall’esperienza comune: un’occasione per emozionarsi e riflettere condividendo, essenza primaria del fare teatro. Il 10 giugno 1981 Roberto trova pistole puntate, cade in un bagagliaio e non lo vede nessuno. Alfredino trova un buco nel terreno, cade e non lo vede nessuno.
Una diretta televisiva di tre giorni che racconta i tentativi si salvare Alfredino e il circo mediatico che genera l’evento.
Cinquantaquattro giorni di prigionia documentati da video. Due innocenti sotto l’occhio della telecamera. Due pubbliche solitudini date in pasto al pubblico. La televisione si trasforma e modifica il linguaggio con cui dialoga con gli italiani chiusi nelle
proprie case. 
In scena il 21, 22 e 23 ottobre 2022
venerdì ore 20.30 
sabato ore 20.30
domenica ore 18.00
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments