CappuccettoBlues_1H

NAPOLI – Mercoledì 15 e giovedì 16 febbraio 2017, alle ore 10, nel Teatro dei Piccoli alla Mostra d’Oltremare va in scena CAPPUCCETTO BLUES, uno spettacolo del Teatro Invito di Lecco, interpretato da Stefano Bresciani e Valerio Maffioletti.

Scritto e diretto da Luca Radaelli, ripropone la storia di Cappuccetto Rosso guardandola però con gli occhi di due lupi amanti del blues. In scena due blueswolf, due musicisti girovaghi, un po’ straccioni e un po’ poeti, ricordano i bei tempi andati.  Quelli del vecchio lupo zio George, ad esempio, al secolo George “Howling” Wolf, il più grande artista trasformista mai esistito, in grado di camuffarsi in men che non si dica nei modi più estremi, in un attimo da bambina a vecchietta. “Finì male George Wolf – commentano laconici i due musicisti –  colpito in un “incidente di caccia”, diciamo così…”.  Le sue gesta ritornano nel ricordo dei due che ne ripropongono i momenti più significativi al pubblico dei più piccoli spettatori (lo spettacolo è particolarmente adatto per i bimbi dai 3 agli 8 anni). E nel ricordo dei bei tempi, ma anche per ammansire una fame proverbiale che non si placa, i due  cantano le loro arie preferite: la canzone della frittella, la ballata della nonna malata, il blues del cacciatore triste, chiedendosi quando passerà di nuovo la bambina dalla rossa mantellina, e chissà se questa volta l’arte dell’inganno darà I suoi frutti.La rassegna prosegue venerdì 17 febbraio (ore 10, replica sabato 18, ore 11) con lo spettacolo intitolato CON LA LUNA PER MANO a cura de I Teatrini, con Rosa Rongone e Ramona Carnevale e la regia Giovanna Facciolo, creato e messo in scena nell’ambito del progetto “Il Teatro dell’Immaginario per le nuove generazioni – Percorsi d’Arte a Piazza Forcella”. In scena una scatola gigante che pian piano si apre nel buio rivelando il magico mondo delle  piccole cose: due personaggi teneri e stralunati si incontrano in uno spazio immaginario, dove una luna sfuggente e scherzosa si lascia afferrare come un palloncino per farsi amica e compagna di giochi. E tra un cuscino e una coperta, attorno a un magico baule, i nostri due personaggi, si cercano e si trovano, per volare lontano e, insieme nel gioco, inventarsi piccoli universi, poetici e divertenti, abitati da mani, piedi, ombrelli, cappelli, forme e colori di semplici oggetti rubati al quotidiano, e qui fondersi, dividersi, confondersi, sdoppiarsi, trasformarsi. “E’ un piccolo universo immaginifico – sottolinea Giovanna Facciolo – che parte dalla centralità del corpo come terreno di creazione, per rivolgersi a quel pubblico che, a partire dai piccolissimi, ha ancora bisogno di guardare la luna e tenerla per mano”. Scene e oggetti di Monica Costigliola,  luci Francesco Rispoli e Paco Summonte, regista assistente Adele Amato de Serpis.Gli spettacoli si realizzano nell’ambito de La Scena Sensibile, rassegna di teatro per la scuola e le nuove generazioni, organizzata dall’Associazione I Teatrini con il contributo del MiBACT, della Regione Campania, dell’ Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, in collaborazione con la Mostra d’Oltremare di Napoli, l’Università’ degli Studi di Napoli Federico II, la Direzione dell’ Orto Botanico, l’AGIS Campania. Posto unico 8 euro (festivi), 7 euro (feriali). Info e prenotazioni: 0810330619  www.iteatrini.it.  

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments