Baba_Sissoko_

NAPOLI – Continua la rassegna “Una vita per il Teatro” del gruppo Ichòs Zoe Teatro e l’Organizzazione di progettazione e management culturale Officinae Efesti, inaugurata il 20 aprile.

Questa settimana, sabato 28 aprile alle ore 21, nella rassegna di periferia, Sala Ichòs ospiteràil concerto “Solo” di Baba Sissoko, un musicista africano, nato e cresciuto a Timbuctù, antichissima città nel nord del Mali, considerato uno dei più grandi ambasciatori artistici di una terra baciata dal dio della musica. Discendente da una grande famiglia di Griot, figure erranti che detengono e tramandano il sapere, la tradizione, la cultura locale,

Sissoko inizia la sua carriera suonando il Tamani (tamburo parlante), accompagnando il nonno nei suoi viaggi. Il suo stile è estremamente ibrido: alle melodie e ritmi propri della tradizione africana, fonde sonorità delle musiche nere occidentali come il jazz e il blues, reinterpretandole in una chiave decisamente originale. Baba Sissoko è un cantore delle tradizioni nazionali, sperimenta innesti tra etno, afrobeat e jazz, ha registrato numerosi dischi di successo ed ha suonato in tutto il mondo, con la sua band o in collaborazione con stelle del calibro di Dee Dee Bridgewater, Art Ensemble of Chicago, Omar Sosa, Enzo Avitabile & i Bottari, Chris Joris & Bob Stewart, Rokia Traorè e annovera fra le sue recenti collaborazioni quella con il grande musicista blues Mighty Mo Rodgers al Sziget Festival di Budapest.

«Non si nasce griot, ma c’è una tradizione secolare che ti insegna a diventarlo. Devi ascoltare tanto, perché solo così. Quando parlerai la gente ti ascolterà, perché hai dato il valore alla parola altrui. Devi accettare gli altri così come sono, perché non potrai pretendere di scegliere per loro» Baba Sissoko

«Una Vita per il Teatro è una rassegna di teatro sociale, un’indagine sul margine come possibilità. Per noi il teatro è chiamato ad aprire interrogativi e spazi di incontro, per riflettere insieme sulle urgenze del nostro tempo. Baba Sissoko e il suo percorso artistico sono un tassello determinante di questo processo» Stefania Piccolo / Salvatore Mattiello, Direzione Artistica

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments