dAgostino-Credendino

NAPOLI – In occasione del 30ennale di Sala Assoli il 18 e 19 marzo Casa del Contemporaneo presenta Aspettando che spiova (la ventesima replica), scritto e diretto da Gianluca d’Agostino che è anche in scena con Luigi Credendino.

Lo storico spazio dei Quartieri Spagnoli si conferma luogo di libertà e creatività dando l’opportunità di debuttare a Napoli a due attori professionisti under 35 con uno spettacolo originale che vuol essere una critica disillusa al teatro. Come spiega l’autore e regista: «Non parliamo di due attori che mettono in scena qualcosa apertamente davanti ad un pubblico, di personaggi in cerca di autore o delle maschere che indossiamo ogni giorno a seconda della circostanza nella quale ci troviamo, ma di una confusione tra finzione e realtà al limite della pazzia e del paradossale, con uno sguardo critico e beffardo nei confronti del teatro moderno, colpevole di avere abbandonato l’attore contemporaneo. Egli è il vero nuovo eroe del teatro di oggi, non i personaggi che interpreta, ma egli stesso, in prima persona, ogni giorno, con tutto il peso che deve portare sulle spalle per continuare a credere nel suo lavoro, che ormai è considerato e valutato con poco rispetto. D’altronde il teatro e l’arte sono lo specchio della nostra società; il teatro come il mondo decade e l’attore, l’uomo, tenta come può, di sopravvivere».

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments