i-bastardi-di-pizzofalcone-criticato-per-le-scene-lesbo-in-prima-serata

NAPOLI – Area Popolare si scaglia contro i “Bastardi di Pizzofalcone” per la presenza di scene lesbo in prima serata. A puntare il dito contro la fiction di Rai Uno prodotta a Napoli il presidente Maurizio Lupi: «È troppo se chiediamo alla Rai di Campo dell’Orto di tenere la propaganda della sessualità libera, sia essa etero o omo, fuori dalla prima serata?

È proprio necessario che in qualsiasi trasmissione, sia un talk show, un festival canoro, una produzione di Rai Fiction quale che ne sia il genere, commedia o poliziesco, debba contenere scene esplicite di sesso omosessuale? La signora che ha scritto ad Avvenire denunciando la gratuita, non giustificata cioè dall’intreccio narrativo, scena di sesso tra due donne che ha scandalizzato sua figlia nella puntata del 23 gennaio della serie I bastardi di Pizzofalcone ha ragione da vendere. A quell’ora – continua Lupi in una nota – i bambini davanti alla televisione sono tanti. Fino a quando noi cattolici, ma chiunque ancora creda nella funzione educativa della famiglia, dovremo finanziare con il nostro canone l’incontinenza visiva e le pulsioni ideologiche e non solo di registi e autori pagati con il denaro pubblico? Non si tratta di essere bacchettoni, ho difeso con forza la fiction sul commissario Rocco Schiavone da strumentali attacchi moralisti perché aveva una sua ragion d’essere e una sua coerenza narrativa che in questo caso sono assolutamente irrintracciabili. Rai1 ha una sua immagine e una sua tradizione, a torto o a ragione è ancora considerata una rete per famiglie. Su questo episodio faremo un’interrogazione in commissione di Vigilanza Rai. Partirà oggi una mia lettera al presidente della Vigilanza perché il direttore di rete di Rai1 venga convocato quanto prima per un’audizione». “La polemica ad opera di alcuni deputati di Area Popolare contro la fiction ambientata a Napoli Bastardi di Pizzofalcone è davvero penosa e irricevibile. Anche questa volta – dichiarano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e Gianni Simioli della radiazza – guarda caso si solleva un polverone nei confronti di un prodotto di successo campano. Questi neo bigotti e moralisti si scandalizzano contro uno spettacolo in cui la sessualità è assolutamente marginale ma la loro mente è ossessionata solo da qualsiasi rapporto omosessuale. In tv poi in tutte le ore e in qualsiasi giorno della settimana va in onda di tutto. Su internet chiunque può collegarsi a siti porno eppure questi deputati non hanno di meglio da fare che chiedere la censura per la fiction tratta dai romanzi dello scrittore napoletano Maurizio De Giovanni. In tante opere cinematografiche e televisive di grande pregio artistico da sempre ci sono scene di sesso e di nudo anche forti. Basti pensare a Bertolucci, a Pasolini, ad Almodovar ed a Visconti. Non è obbligatorio vedere la fiction ma è intollerabile la censura di certi bigotti. Pensassero ad approvare buone leggi e ad impegnarsi per il paese invece di fare polemiche davvero squallide e di basso profilo. L’On. Maurizio Lupi dimessosi dal ruolo di ministro per una serie di favoritismi, tangenti e intrecci poco chiari che hanno coinvolto i suoi collaboratori anche la sua famiglia invece di fare il moralizzatore di fiction pensasse alle vicende che l’hanno travolto negli ultimi anni che non lo fanno di certo a nostro avviso un punto di riferimento di moralità. E’ più grave dimettersi da Ministro per uno scandalo o vedere una fiction con una scena in cui due donne si baciano perchè semplicemente si amano?”

 

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments