eugeniobennato

NAPOLI – Si è svolta ieri sera nell’incantevole atmosfera del Teatro Sannazaro di Napoli la XV edizione del Premio Masaniello – Napoletani Protagonisti condotto, come sempre, da Lorenza Licenziati e con la regia di Sasà Imperatore.

Il Premio, nato da una idea di Luigi Rispoli e di Umberto Franzese, è diviso in due sezioni, quest’anno ha voluto indagare, attraverso i premiati del tema specifico, la Napoli esoterica e misteriosa in cui energie di antichi culti sono tutt’oggi ancora palpabili con fluidi arcani, saperi e simboli che emergono i luoghi più fascinosi di una città mai banale.

Da qui la scelta del tema specifico: Fascino, enigmi, spiriti notturni nella Napoli del mistero, che ha visto premiati:

Stefano Arcella: Saggista, studioso dei culti misterici del mondo antico

Aldo De Francesco: Giornalista e scrittore

Diana Franco: Docente di arti curative – ceramista

Fabrizio Masucci: Presidente Museo Cappella Sansevero

Laura Miriello: Direttrice dell’Associazione culturale Itinerari storici alchemici di Napoli

Respiriamo Arte: Associazione culturale patrimonio storico archeologico monumentale artistico Città di Napoli.

“Quest’anno -ha dichiarato Luigi Rispoli, presidente dell’AIGE organizzatrice della manifestazione- abbiamo voluto dare al Premio Masaniello il carattere di un elemento di buon auspicio per i prossimi mesi considerato la pandemia che ci accompagna da mesi. Pensiamo che anche in presenza di un problema sanitario come questo, pur con tutte le precauzioni possibili, non dobbiamo perdere di vista la necessità che tutti abbiamo di avere comunque una vita sociale fatta anche di momenti culturali come questo. Abbiamo voluto svolgere lo stesso il Premio Masaniello per questo ed anche perché per una manifestazione come la nostra la continuità diventa un valore”.

Gradevole lo spettacolo allestito per il numeroso pubblico presente che ha visto la esibizione di Linda Airoldi (che ha ricordato con un brano il maestro Ennio Morricone), Anna Maria Bozza, Enzo De Simone,

Mario Maglione, e The Every Dance di Cristiana Monticelli.

Sul palco del Sannazaro si è esibito anche Eugenio Bennato che ha proposto, per rimanere in tema con la serata, Canzone della jettatura che di recente è stata incisa da Pietra Montecorvino in una particolare versione reggae.

Per il tema ciclico sono stati premiati:

Linda Airoldi: Soprano Teatro S. Carlo di Napoli

Riccardo Canessa: Regista teatro lirico

Mario Maglione: Cantante – chitarrista

Pietra Montecorvino: Cantante – attrice

Vincenzo Montesarchio: Direttore della U.O.C. Oncologia dell’Ospedale Monaldi

Mentre per il premio Unicum “Guglielmo Celestino”, giovane scomparso di recente tragicamente è stato premiato Tullio Imperatore: Regista – sceneggiatore – produttore.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments