SORRENTO – Le nuove vie dell’energia e l’impatto sul Mediterraneo sono stati i temi al centro del convegno organizzato dall’European workshop di Sorrento che mira a riportare il Sud al centro del dibattito economico, sociale e culturale nel rappresentare le grandi opportunità che da questa sponda del Mare nostrum possono arrivare per il rilancio del nostro paese.

Di questo e di tanto altro si è discusso presso la fondazione Sorrento nella villa Fiorentino al corso Italia.

“Il Mezzogiorno oggi è una grande piattaforma al centro del Mediterraneo e rappresenta una grande opportunità di crescita soprattutto in un momento così delicato in cui sia in Italia che nel mondo gli equilibri economici si stanno riequilibrando.

Da un lato il PNRR e dall’altro la ridefinizione di un nuovo equilibrio geopolitico rappresentano grandi temi sui quali dobbiamo confrontarci e portare le nostre proposte per valorizzare la nostra vocazione di luogo di scambio, la grande capacità di unire la qualità unica delle nostre produzioni fondate su una originale proposta di tradizione e innovazione.

Terzo fattore centrale del dibattito è il capitale umano, una risorsa inestimabile del sud che va formata e fidelizzata. Con i piedi piantati nella tradizione e lo sguardo rivolto al futuro dobbiamo prepararci con proposte concrete ad affrontare i cambiamenti sul fronte energetico e il nuovo ruolo del Mediterraneo”.

E su tali questioni si sono confrontati confronteranno Achille Coppola, commercialista, il presidente di Svimez Adriano Giannola, l’imprenditore Riccardo Monti, il presidente dell’Accademia italiana di economia aziendale Michele Pizzo e il presidente Anev Simone Togni. A moderare i lavori Claudio Brachino, opinionista de La7.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments