NAPOLI – Dal 2001, ossia dall’entrata in vigore della riforma del Titolo V, la Regione Campania non aveva una specifica normativa inerente al sistema fieristico professionale. Fiere Associate, la più grande associazione regionale che racchiude gli organizzatori professionali delle principali fiere che si svolgono in Campania (internazionali e nazionali, tra le quali Aestetica, Arkeda, Bmt, Fiera del Baratto e dell’Usato, Comicon, EnergyMed, TuttoPizza, Lsdm, VitignoItalia, Contract&Hotellerie, Antiquari in Mostra, Siferr, TuttoHotel, VideoGameShow, 442 La fiera del calcio, Gustus, Pharmaexpo, Sebs Fiera dello Sport, 50TopPizza, Expo Franchising Napoli, Vebo), i più importanti allestitori (Ital Stage, D’Angelo Allestimenti, Planet Stand Creation) e i più qualificati fornitori di servizi dei comparti fieristico e congressuale (Azzurro Service, Go2), ne ha fatto un proprio cavallo di battaglia, consapevole degli enormi benefici al territorio dal sistema fieristico.
Dopo numerose pressioni e solleciti, grazie al prezioso ascolto della Giunta e del Consiglio regionale della Campania, le fiere avranno finalmente una loro dignità legislativa e un forte riconoscimento per il ruolo svolto. E finanche la Mostra d’Oltremare, principale sede fieristica regionale, potrà beneficiare del supporto previsto, grazie all’opera di Fiere Associate.
“Ringraziamo vivamente la Regione Campania – afferma il presidente di Fiere Associate Luciano Paulillo, organizzatore di una delle più importanti fiere business che si svolgono a Napoli – per aver accolto le nostre istanze per la valorizzazione delle fiere e dell’intero comparto”. Il direttore di Fiere Associate Carlo Cigliano aggiunge: “Il nostro è un comparto strategico per la Campania con una stima di 200 milioni di indotto economico annuo, migliaia di occupati e rilevanti ricadute anche sull’offerta culturale e turistica. La Giunta del Presidente De Luca e questo Consiglio regionale hanno ascoltato gli operatori del comparto e dato risposte concrete per la ripartenza di un settore produttivo con grandi opportunità”.
Fiere Associate ha sollevato questa annosa vacatio legis sin dal 2020, e grazie all’intervento della Giunta (Assessori Casucci e Marchiello) e del Consiglio (in particolare il presidente Gennaro Oliviero ed i consiglieri Di Fenza e Venanzoni) sembra che da oggi la Campania si allinei alle altre regioni nazionali in una competizione territoriale che la vede forte protagonista nel centro sud Italia con molti marchi fieristici di rilevanza internazionale.
“Il Consiglio Regionale che mi onoro di presiedere” dichiara il Presidente del Consiglio Oliviero, “è molto attento alle realtà produttive ed occupazionali e si è prontamente adoperato per risolvere un tema annoso, che interessa un settore fondamentale per la nostra regione. Proseguiremo la nostra azione normativa ascoltando tutti e dando rapidamente risposte, come fatto di recente anche sul comparto musicale”.
“Ho incontrato i rappresentanti di Fiere Associate e ho dato il mio contributo in Consiglio Regionale affinchè si affrontasse il tema delle fiere in maniera costruttiva e con uno sguardo al futuro”, sottolinea il consigliere regionale Di Fenza.
“Come consigliere regionale – spiega Venanzoni – ma anche al Comune di Napoli, ho sentito subito l’esigenza di perorare le istanze della Fiere Associate, volte non solo alla tutela a valorizzazione delle fiere da loro organizzate ma anche per favorire la qualificazione delle infrastrutture fieristiche regionali”.
Forte spinta anche dall’Assessorato regionale alle Attività Produttive con l’Assessore Antonio Marchiello che dichiara “Abbiamo ritenuto di intervenire a favore di un comparto economico rilevante che occupa migliaia di addetti e vede forti specializzazioni per la promozione di prodotti e filiere locali”.
Grande sensibilità e supporto è venuta anche dall’Assessore al Turismo della Regione Campania, Felice Casucci “Non appena insediatomi – afferma – ho convocato un tavolo di ascolto sulle fiere e recepito le considerazioni provenienti dal mondo associativo, che impattano i flussi turistici sia consumer e di svago che business, con un’importante spinta sulla destagionalizzazione”.
Fiere Associate si dichiara ulteriormente disponibile a fornire il fondamentale supporto tecnico per la redazione del regolamento d’attuazione che dovrà essere emanato entro 180 giorni. “Ci auguriamo -sottolineano i membri dell’associazione – che il Presidente De Luca accolga “Fiere Associate” come interlocutore qualificato per l’organizzazione di fiere e manifestazioni e che ci faccia consultare dagli uffici delegati per dare seguito ed attuazione a quest’importante passo normativo compiuto. Tutte le nostre fiere saranno sempre felici di ospitare De Luca e la sua Giunta a testimoniare un settore giunto al collasso ma che, finalmente, inizia a rivedere barlumi di luce e di speranza grazie alla Regione Campania”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments