NAPOLI – Il Movimento Autonomi e Partite Iva torna a far sentire la propria voce in un momento particolarmente critico dovuto all’emergenza Covid. Tramite Giuseppe Calvanese, Coordinatore della Regione Campania del Movimento, gli autonomi e le Partite Iva si rivolgono direttamente alle istituzioni per ottenere misure in grado di sostenere le imprese e i professionisti in difficoltà. Segnatamente, nei giorni scorsi è stata inviata una lettera al Governatore Vincenzo De Luca e all’assessore regionale alle Politiche Sociali, Lucia Fortini, contenente alcune proposte. Il fine è l’attivazione di un “Bonus assicurazione Covid moment”.
L’obiettivo è garantire a tutte le Partite Iva un supporto economico per la copertura sanitaria durante l’emergenza Covid-19. “Ad oggi – si legge nella lettera – tutti i dipendenti Statali e Privati sono garantiti da INPS o INAIL per malattia da Covid-19, ma non le Partite Iva,con questa richiesta si intende ampliare la garanzia della tutela nei confronti di lavoratori autonomi e Partite Iva, che,in caso di contagio, non percepiscono né reddito, in quanto impossibilitati a lavorare, né alcuna forma di indennità di malattia (a parte qualche rara eccezione).
Per equiparare la tutela, e migliorare anche la prevenzione, noi Autonomi e Partite Iva, quali rappresentanti dell’intero Corpo Sociale dei Professionisti, degli Imprenditori e delle Aziende, riteniamo che sia necessario prevedere, da parte della Regione Campania, la copertura dei costi di Polizze private. In Campania ci sono circa 350.000 Partite IVA, ne consegue che, considerando che il premio assicurativo oscilla tra le 250,00 e le 300,00/400,00 euro, per un’indennità di circa 3.000,00 euro, il costo complessivo dell’intervento dovrebbe ammontare a circa 105.000.000,00 euro. Le risorse si potrebbero individuare tra quelle destinate ai vari “Bonus” o tra le risorse destinate alla ripresa del tessuto economico, valutandone le priorità. Riteniamo l’intervento assolutamente necessario ed urgente, da eseguire immediatamente, data la gravità crescente della situazione complessiva delle Partite Iva, nella nostra Regione come nel resto d’Italia”.
Spazio quindi alle previsioni e alle possibili tempistiche: “Con questo intervento, avremo la possibilità di potersi assicurare e soprattutto di dare un aiuto concreto alle Partite Iva, usufruendo di un rimborso assicurativo che le aiuterà a sostenere la crisi ed a ripartire. Siamo anche certi che la Regione che realizzerà un intervento del genere, dimostrerà con i fatti e non con le parole, di essere vicina alla categoria produttiva italiana. Come Coordinatori Delegati del Movimento Autonomi e Partite Iva della Regione Campania, vorremmo che la nostra Regione fosse la prima ad avviare tale iniziativa”.
Le varie attività potranno essere distinte nel modo seguente: fase1: bando richiesta bonus; fase2: richiesta ricevuta assicurativa; fase3: verifica dei requisiti minimi richiesti; fase4: erogazione bonus. “L’intervento – continua la lettera – dovrà rimanere attivo fino al completo annullamento da parte dell’OMS dello stato di emergenza sanitaria; lo scopo ultimo dell’intervento sarebbe di garantire la continuità lavorativa ed il sostentamento di tutti i possessori di Partita Iva, durante e dopo lo status di malato causa Covid-19. A chiedere la suddetta possibilità di erogazione bonus è tutto il Movimento autonomi e Partite Iva. La realizzazione di una simile iniziativa avrebbe sicuramente un impatto particolarmente forte sulla categoria delle Partite Iva e un altrettanto rilevante apprezzamento; potrebbe costituire un progetto pilota per tutte le regioni in quanto si presenta come una novità in assoluto,e porterebbe benefici ad una categoria ad oggi abbandonata, proiettando senso di benessere e di cura a livello psicologico nonché di carattere economico alle Partite Iva, vero ed unico motore dell’economia italiana. Dare la possibilità ad una Partita Iva di riprendersi, sotto tutti i punti di vista, ci proietta oltre il tempo del bando del bonus, ma nell’interezza del proseguimento della vita dell’azienda stessa”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments