Ciro-Fiola

NAPOLI – Con 20 voti a favore, Ciro Fiola è stato eletto presidente della Camera di Commercio di Napoli. Con la sua elezione arriva la fine di una querelle che ha visto contrapporsi l’Aiscat, cordata di cui Fiola è il leader, Acen, Claai Napoli, Cna Napoli, Confartigianato Napoli, Confcommercio/Fit, Confesercenti Napoli, Fai, Unione Industriali di Napoli.

Le schede nulle sono state, invece, 10. Si chiude definitivamente la fase di commissariamento dell’ente camerale partenopea, iniziata nel 2015, sotto la reggenza di Maria Salerno prima e Girolamo Pettrone poi.

Termina dunque un braccio di ferro iniziato con l’indicazione di Fiola come presidente della Camera di Commercio, inviso all’opposizione rappresentata da Acen, Claai Napoli, Cna Napoli, Confartigianato Napoli, Confcommercio/Fit, Confesercenti Napoli, Fai, Unione degli Industriali Napoli.

“Ci interessa, ora che la decadenza della Camera di Commercio finisca – commenta Fiola – e possa trovare il vecchio splendore del passato”.

“Con l’elezione di Ciro Fiola alla guida della Camera di Commercio di Napoli si chiude una pagina buia tra inchieste, ruberie e commissariamento e si può cominciare a pensare a un rilancio dell’ente camerale dopo anni bui in cui sono state molte di più le inchieste sulla gestione dei fondi che le iniziative realmente utili per gli associati e per l’economia napoletana e campana”.

Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, augurando al neo presidente “i migliori in bocca al lupo per un incarico che, di certo, non sarà facile da gestire soprattutto per quel che è stato fatto negli ultimi anni”.

“Il primo passo da fare sarà quello di recuperare la fiducia degli associati e delle Istituzioni e poi mettere in campo azioni che possano aiutare le imprese e gli artigiani napoletani e campani di migliorare i loro fatturati con conseguenze positive su tutta l’economia campana” ha concluso Borrelli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments