NAPOLI – A causa dell’epidemia di Coronavirus (Covid-19) che sta colpendo duramente l’Italia in queste settimane, è stato deciso tramite un nuovo decreto di incentivare il più possibile il lavoro agile, ovvero il cosiddetto smart working. Quest’ultimo permette di intrattenere un rapporto di lavoro subordinato dove il dipendente può lavorare da casa senza nessun vincolo spaziale, seguendo l’organizzazione del lavoro decisa dall’azienda. Ovviamente per poter svolgere efficacemente il lavoro agile sono necessarie adeguate attrezzature e strumenti che vedremo qui di seguito.

L’attrezzatura informatica necessaria

Per quanto riguarda l’attrezzatura informatica è ovviamente necessario possedere un computer, preferibilmente portatile. Esso deve avere una buona scheda grafica, capacità di memoria e velocità di processore, per ottenere ottime prestazioni e favorire la produttività. Connessi al computer si devono avere una tastiera e un mouse ergonomici e confortevoli, mentre si devono avere a disposizione delle cuffie noise cancelling per non avere interferenze esterne, un power bank molto potente se non si è in prossimità di una presa elettrica dove caricare il notebook ed infine un hard disk esterno se si lavora con file di grandi dimensioni.

Una connessione internet adeguata

Come intuibile, per avere accesso al lavoro agile, oltre ai vari dispositivi informatici, è fondamentale possedere una buona connettività a internet, che deve essere veloce, continua e senza impreviste interruzioni di rete. Per venire incontro alle esigenze di chi non ha una connessione o di quanti vogliono ampliarla, c’è anche la possibilità di attivare un abbonamento con solo internet per esempio sul sito di Linkem, la cui copertura arriva in vaste aree della penisola. Prima di sottoscrivere qualsiasi contratto però è necessario controllare con attenzione la velocità di download e verificare la stabilità della connessione per evitare di ritrovarsi scoperti o con una connettività altalenante.

Predisporre una postazione comoda

Dopo aver parlato delle attrezzature informatiche e della necessità di avere internet, è importante sapere che anche il modo in cui si lavora influisce sulle prestazioni del lavoratore. Il tavolo e lo schermo devono sempre essere posti in modo che la luce arrivi di lato. Va utilizzata una sedia con altezza regolabile, schienale inclinabile e anche un supporto lombare. È importante anche organizzare in modo accurato la scrivania in modo tale da avere lo spazio per scrivere e appoggiare fogli. Infine può essere utile avere una lampada nel caso in cui si debba lavorare in condizioni di oscurità e usare un portadocumenti inclinato per avere tutto a portata di mano.

Assicurare la sicurezza delle operazioni online

Infine, è di fondamentale importanza, mentre si esegue smart working, proteggere e tenere al sicuro le informazioni, soprattutto quelle sensibili. Alcune soluzioni perciò consistono nell’installazione di un buon antivirus ed antimalware, con scansione periodica automatica, usare un sistema di gestione remota del PC, con il quale i colleghi tecnici possano monitorare e gestire eventuali problemi, ed infine attivare una connessione VPN, ovvero un canale di comunicazione sicuro tra l’azienda e il lavoratore da remoto.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments