Ronghi-1

NAPOLI – E’ giusto l’appello “resta a casa” ma perché deve valere per una parte degli Italiani e non anche per i lavoratori dei servizi e metalmeccanici? E’ l’appello della Segreteria Confederale CNAL lanciata al governo tramite il segretario Generale Salvatore Ronghi.

“Oramai siamo alla pantomia e tutti dobbiamo fare il massimo sforzo- continua Ronghi – per fermare la diffusione del “coronavirus” e proprio per questo chiediamo al governo di consentire la chiusura anche di quei settori e fabbriche dove non vengono rispettati i criteri di salvaguardia previsti nei vari provvedimenti emanati da Governo”.

“Le nostre categorie ULSSA e Italia Victrix che raggruppano lavoratori dei servizi e dell’igiene ambientale, da settimane hanno chiesto alle aziende del settore i necessari indumenti, guanti e mascherine per poter continuare a lavorare ma in molti casi non c’è ancora risposta e allora è meglio chiudere”, ha concluso Ronghi.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments