NAPOLI (fonte sscn.it) – “La testa e la nostra attenzione vanno solamente alla partita di domani, il resto sono dettagli”. Carlo Ancelotti parla in conferenza stampa alla vigilia del match contro il Salisburgo.

“Abbiamo davanti un grande traguardo che è quello di qualificarci agli ottavi. Questo per me è il tema del giorno. Sul ritiro non sono d’accordo ma è una scelta ponderata e legittima della Società. Non è un discorso prioritario, si può stare in ritiro una settimana, ciò che ci preme adesso è il risultato da conquistare domani”

Cosa è mancato sinora al Napoli?

“E’ mancata la continuità. In questi primi mesi abbiamo raggiunto picchi di prestazione molto alti, ma che non siamo sempre stati capaci di replicare”.

“Io credo che l’unica vera partita deludente e fallita è stata quella di Roma dove il livello di intensità si è abbassato molto e non abbiamo avuto il controllo della partita”

“La situazione va valutata a mente fredda. Questa squadra ha dimostrato molto buone cose e non le ha sapute sempre esprimere. Adesso mi aspetto una prestazione all’altezza domani, perché può essere uno snodo della stagione”.

“Personalmente non ascolto troppo le chiacchiere sulla nostra presunta fragilità mentale, perché non sono uno psicologo. Io sono un allenatore e sto pensando solo a preparare al meglio la sfida che ci aspetta”

“Abbiamo constatato il valore del Salisburgo anche all’andata. Sarà una gara difficile quanto importante. Siamo tutti concentrati per fornire una prova di alto livello”.

Dopo la decisione del ritiro, è cambiato qualcosa nel rapporto con De Laurentiis?

“Tra me e il Presidente il rapporto è ottimo e nulla cambia. La decisione del ritiro è legittima da parte del Club, ma oggi per me è un dettaglio insignificante perché quello che conta è la partita di domani”

Come si esce da questo periodo non brillante?

“Dai momenti difficili si esce facendo le cose semplici. Con chiarezza, umiltà e sacrificio”.

“Non siamo soddisfatti del rendimento e della classifica, ma è anche vero che avremmo meritato più punti e altra sorte in varie gare”.

Ci sono state anche decisioni molto controverse. C’è confusione oggi sull’utilizzo del VAR?

“Credo di sì ma non ne voglio più parlare. Mi sono già espresso”

“Ribadisco che adesso si guarda avanti. Abbiamo l’opportunità di andare agli ottavi di Champions League ed è un po’ di tempo che il Napoli non ci riesce. Ora mi aspetto un cambio di direzione”.

“Tutte le nostre energie, adesso, sono concentrate sull’obiettivo di domani. Poi vedremo la strada che possiamo fare in Europa. Superare il Girone riveste una fondamentale importanza. Mi aspetto anche la spinta del San Paolo perchè i tifosi sanno che la loro spinta può essere decisiva”.

“Siamo il Napoli ed abbiamo il dovere di fare meglio”. Kostas Manolas parla al fianco di Carlo Ancelotti nella conferenza di vigilia della sfida contro il Salisburgo.

“E’ un momento difficile, ma da questi momenti si esce tutti insieme. Questo gruppo è pieno di giocatori di qualità e saprà risalire”.

“Domani ci aspetta una sfida che può essere decisiva per la Champions e tutti vogliamo fare una prestazione all’altezza delle nostre potenzialità”.

Sull’intesa con Koulibaly: “Per quanto mi riguarda io credo che una squadra non dipenda da un solo reparto. Si attacca in 11 e ci si difende in 11”.

“Purtroppo stiamo raccogliendo poco, non so cosa sia capitato ma dobbiamo avere più determinazione e intensità”.

“A Roma siamo entrati in campo male, poi però abbiamo dominato negli ultimi venti minuti e potevamo pareggiare. Certamente la sconfitta è una nostra responsabilità e ripeto che dobbiamo fare di più. A partire da domani”

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami