31131781_1777975235615438_8309773694410551774_n

NAPOLI – L’impresa del Napoli allo Juventus stadium non ha lasciato indifferente il governatore della Campania Vincenzo De Luca. “Siccome ho una certa età – ha commentato con i cronisti a margine della riapertura del Pronto soccorso del Cto di Napoli – quando ho visto il colpo di testa di Koulibaly mi sono ricordato di un certo Pelè ai Mondiali in Messico, uno che si è alzato di due metri e mezzo”.

“Credo – ha sottolineato – che la partita di ieri abbia già attribuito moralmente il campionato al Napoli e può essere quella della svolta. Sapete – ha proseguito il governatore che in passato ha detto di apprezzare il calcio all’italiana – che sono sempre prudente col calcio spumeggiante, resto convinto che la prima cosa sia non prendere gol, ma devo dire che anche da questo punto di vista il Napoli ha mostrato una certa maturazione. Ho visto una squadra molto assestata – la disamina del governatore campano – attenta alla difesa, non scapigliata, e questo vuol dire che c’è stata una maturazione straordinaria”.

“Ieri il Napoli ha fatto gioire tutti i napoletani. Esempio di umiltà e di potenza, di carattere e di semplicità. Squadra sempre concentrata, unita, forte, senza mai mollare, con un grandissimo cuore, per poi andare a vincere con un uomo straordinario del sud del mondo. C’è tutta la nostra storia e il nostro presente. Il Napoli e Napoli sono un’unica entità, uno stesso corpo, un’unica magia. Sono orgoglioso di essere napoletano sempre, nella gioia e nel dolore. Ma oggi sono felice per tutti i napoletani dell’universo. Squadra e popolo, squadra e città, unica anima, stesso corpo in un cuore senza limiti. Solo Napoli sempre e per sempre, senza mai fine”
è il post pubblicato dal Sindaco de Magistris su facebook.

Nonostante la discussione del bilancio sia definita dalle opposizioni “lacrime e sangue” c’è chi, come il consigliere Rinaldi, ancora in preda all’entusiasmo per la vittoria di ieri a Torino non perde l’occasione per uno sfottó al collega Brambilla del M5S notoriamente juventino.All’inizio del suo intervento, Rinaldi mette al collo del grillino una sciarpa azzurra. Seccato Brambilla afferma:”….sto parlando di cose serie!”. A dare manfrote a Rinaldi ci pensa anche Marco Nonno che esordisce dando “solidarietà” al collega bianconero per poi affermare “Ci vediamo domenica”. Dopo questo siparietto la seduta è proseguita e i toni si sono fatti seri e responsabili come si richiede all’assise cittadina.(ANSA)

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments