NAPOLI (fonte sscn.it) – Serata all’insegna dell’azzurro in Val Di Sole. Luciano Spalletti, Matteo Politano e Piotr Zielinski hanno incontrato i tifosi in Piazza Madonna della Pace a Dimaro Folgarida rispondendo alle domende dei sostenitori del Napoli giunti in Trentino.

Queste le dichiarazioni salienti della serata

– SPALLETTI –

“E’ un piacere nostro quello di incontrare i tifosi e conoscere il vostro pensiero per noi è importante e quindi siamo felici di essere tra voi. Sono convinto di avere una squadra forte e volevo rendermi conto di quanto fossero consapevoli di essere forti. Una mezza risposta l’ho già avuta, adesso attraverso l’impegno cercheremo di avere tutte le risposte necessarie”

“Napoli è una piazza importante e abbiamo tanti stimoli per dare le giuste soddisfazioni al nostro pubblico. Io mi reputo un uomo fortunato, perché da tanti anni faccio il lavoro che mi piace. E poter lavorare a Napoli è un ulteriore privilegio. A Napoli c’è creatività, cultura, accoglienza e mi sento a casa mia in questa città”.

“Bisogna dimenticare quello che è successo nell’utlima partita col Verona. Le partite passano per non passare più. Ormai di quel match non possiamo più cambiare il risultato, discuterne ancora è uno spreco di tempo. Bisogna imparare da certe gare e guardare avanti. Questo deve essere ben chiaro alla squadra. Ciò che adesso ci aspetta è un stagione davanti a noi. Se si riesce ad avere una unità di intenti e una rosa di qualità, allora i risultati possono essere di un certo livello”.

Sente la pressione della piazza napoletana?

“Se non si sanno gestire le pressioni, non si sanno gestire neppure le vittorie. E’ normale che nel calcio non si possa sempre vincere e che ci possano essere momenti non belli. Però è in quelle situazioni che bisogna apprendere gli elementi giusti per risalire”

“Io ho la mia idea di calcio ma devo anche parlare con i calciatori perché non posso snaturare i miei campioni che hanno già mostrato qualità in passato. Credo che per il resto ci voglia carattere. Io dico sempre: uomini forti per destini forti. O si è forti, oppure si diventa comparse”.

– POLITANO –

“Siamo molto delusi per non aver raggiunto la Champions. Ce l’abbiamo messa tutta, siamo incappati in un’ultima parita storta ma quest’anno sono sicuro che ci rifaremo. L’obiettivo è dare il massimo in tutte le competizioni. Certamente in campionato vogliamo tornare tra le prime 4, ma vogliamo fare strada anche in Europa”.

“Spalletti ci sta trasmettendo quello che già mi aspettavo, avendo avuto il mister all’Inter. Ci chiede un gioco offensivo, di avere sempre il possesso del pallone e di spingerci in avanti come mentalità”

– ZIELINSKI –

“Abbiamo un nuovo allenatore e grande entusiasmo per disputare una grande stagione. Abbiamo sentito molto la mancanza dei tifosi e speriamo di poter riavervi vicino durante le partite per avere la carica che sa darci il nostro stadio.

Te la senti di poter essere un trascinatore per puntare allo scudetto?

Mi sento pronto a dare il mio massimo contributo per lottare per lo scudetto. E’ un sogno per noi e faremo di tutto per riportare a Napoli un trionfo che manca da tanti anni.

L’anno scorso ho segnato 10 gol, ho avuto più spazio e sotto il profilo del rendimento sono stato contento. Però so che devo fare di più perché ho margini di miglioramento e so che posso maturare ulteriormente.

Qual è il ruolo che preferisci?

“Non ho problemi in questo senso. Ho giocato in tutti i ruli del centrocampo. Ho giocato da trequartista l’anno scorso, ma anche mezzala in passato. Sarà l’allenatore a decidere il mio impiego.

Oggi ottavo giorno per il Napoli a Dimaro Folgarida. La squadra ha iniziato la seduta con una partita a campo ridotto. Successivamente sessione tattica di squadra e lavoro di potenza aerobica.
Manolas e Zielinski hanno svolto la prima parte dell’allenamento in gruppo e parte personalizzato.

Dopo il Bayern Monaco, seconda amichevole internazionale per il Napoli prima dell’inizio del campionato. Gli azzurri affronteranno il Wisla Cracovia al Henryk Reyman Stadium di Cracovia il 4 agosto alle ore 18.

Il match è stato organizzato per celebrare il 115esimo anniversario della fondazione del Club polacco.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments