Il Napoli batte la Salernitana 4-1. Insigne raggiunge Maradona a 115 gol (VIDEO)

0

NAPOLI – Poker del Napoli che batte agevolmente la Salernitana riconquistando il secondo posto complice il pari nel big match tra Milan e Juve.

Gli azzurri in gol con Juan Jesus, Mertens, Rahmani e Insigne, dopo la sosta saranno ospiti del Venezia un’altra occasione d’oro da sfruttare, vista la concomitanza dopo la sosta del derby di Milano tra Inter e Milan.

Ma ieri é stata la giornata di Lorenzo Insigne che raggiunge Maradona a 115 gol e si piazza nell’ hall of fame azzurra al terzo posto.

Lorenzo è a 6 reti da Marek Hamsik che detiene il secondo posto a quota 121. Leader della speciale graduatoria è Dries Mertens con 144 reti.

Dopo il successo contro la Salernitana, il Napoli riprenderà mercoledì gli allenamenti all’SSC Napoli Konami Training Center.

Gli azzurri si allenano nella settimana della sosta per lo Stage della Nazionale a Coverciano e la pausa di campionato.

La Serie A riprenderà domenica 6 febbraio con Venezia-Napoli, 24esima giornata.

Il Capitano suggella il record baciando la maglia sotto la curva segno di amore per il Napoli e i napoletani.

INTERVISTE

LUCIANO SPALLETTI

“Abbiamo avuto una bella reazione ma bisogna crescere”. Luciano Spalletti commenta così il successo del Napoli sulla Salernitana.

“Dopo il pareggio siamo cresciuti ma dobbiamo avere un’altra mentalità. Rimettere in discussione il vantaggio non è un elemento positivo. Poi il finale di tempo è stato di alto livello e su questo vanno fatti gli elogi alla squadra”

“Dobbiamo migliorare sotto il profilo del carattere e della convinzione. La ceterminazione è fondamentale quando bisogna andare a chiudere il risultato”.

“All’inizio ho preferito un attacco di piccoletti per la maggiore agilità e velocità nelle penetrazioni. Poi l’ingresso di Osimhen ci ha dato profondità. Victor era un po’ nervoso ma ha giocato con generosità!”.

DRIS MERTENS

“E’ un successo importante che volevamo. Non è stato facile”. Dries Mertens ha allungato la sua leadership di capocannoniere della storia azzurra.

“Sono contento di aver segnato il rigore, anche perchè ci ha dato sicurezza dopo il pareggio. Il secondo rigore l’ho lasciato a Lorenzo perchè per lui era importante”.

“La Salernitana ha tirato una sola volta in porta però non è stato semplice riuscire a ritrovare il vantaggio. Dobbiamo proseguire così e guardare solo a noi. Il campionato è ancora lungo e possiamo essere protagonisti”

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments