borriello

NAPOLI – “Il Napoli deve puntare su Coppa Italia e Champions League, gli azzurri di Gattuso devono sfruttare questa ripartenza per centrare un obiettivo storico”. Ad affermarlo l’assessore delegato allo sport del Comune di Napoli, Ciro Borriello, che stamattina è intervenuto a CampaniaLike, intervistato da Michele Chianese ed Ernesto di Girolamo, in diretta Facebook per fare un punto della situazione dopo l’ok da parte del ministro Spadafora alla ripartenza della Serie A. L’assessore rivela di aver avuto “numerosi incontri” con il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, tutti “rigorosamente da remoto”, nei quali si è parlato di “futuro e dello stadio San Paolo, stanno continuando anche in queste ultime ore i lavori di manutenzione ai bagni e abbiamo riaperto anche la pista di atletica. Per il 13 giugno (gara di Coppa Italia, semifinale contro l’Inter) sarà tutto perfetto”. Ovviamente mancheranno i tifosi ma l’assessore Borriello continua a dire che “è assurdo non poter pensare di ospitare almeno un terzo della capienza totale dei tifosi. Immagino uno stadio con 18mila persone, tutte distanziate l’una dall’altra. E anche ai tornelli con delle semplici indicazioni si potrebbe permettere l’accesso in tranquillità”. L’assessore ha parlato anche di eventuali aiuti per le associazioni presenti sul territorio: “Con le casse comunali in rosso possiamo fare ben poco, ma abbiamo già detto che saranno concessi gratuitamente tutti gli impianti cittadini a quelle associazioni che svolgono attività sul territorio. Non ci saranno costi per tutti i mesi di quest’anno”. Su Coppa Italia, campionato e Champions è chiaro: “La Coppa Italia è sicuramente alla nostra portata, e già sogno di vedere il Napoli alzare il trofeo. Ben più difficile invece è il campionato, nonostante l’avvento di Gattuso che ha ridonato voglia di lottare e vincere a tutto il gruppo. Per la Champions sono invece molto fiducioso: dopo questo lockdown non sappiamo come riprenderanno in Spagna, e il Napoli potrebbe sicuramente sfruttafre l’occasione. E se superiamo il Barcellona…”. Ed infine il futuro ‘politico’: “Mi candiderò e come sempre fatto fino ad oggi cercherò di ottenere consensi dalla popolazione. Ma dopo 6 anni da assessore allo sport difficilmente continuerò con questo ruolo”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments