coltello-accoltellamento

NAPOLI – E’ stata accoltellata 12 volte con inaudita ferocia dal compagno che l’ha lasciata in casa riversa sul pavimento in una pozza di sangue scappando via.

E’ il triste destino toccato all’ennesima donna vittima di violenza.

L’omicidio ieri sera in via Filippo Cavolino, nel quartiere San Carlo all’Arena.

Ornella Pinto, 39 anni napoletana, p morta stamane al Cardarelli dopo che i medici hanno tentato di salvarle la vita con un delicato intervento al torace.

La vittima era stata aggredita dal compagno ieri sera, ma prima di perdere i sensi era riuscita a dare l’allarme.

A soccorrerla la Polizia di Stato e il 118 che stamane alle 5 l’ha trasferita nel nosocomio napoletano in codice rosso.

Le coltellate, 12 fendenti, inferti con un coltello presumibilmente da cucina sono localizzate nella zona dell’emitorace sinistro, gli inquirenti da questo dettaglio hanno da subito notato la volontà di uccidere da parte dell’uomo.

La paziente, è stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico da parte delle équipes del Trauma Center e di Chirurgia Toracica, che però non è servito a salvarle la vita.

Secondo una prima ricostruzione degli investigatori, la 39enne, mamma di un minore, ieri sera avrebbe avuto una lite con il convivente che da sei anni abitava con lei.

L’uomo, fuggito dopo l’aggressione si è costituito questa notte presso una caserma dei carabinieri in provincia di Orvieto.

L’assassino, 43 anni, secondo quanto riportato dai militari dell’arma ha citofonato intorno alle 7 alla stazione dei carabinieri di Montegabbione, in provincia di Terni, dicendo di avere “ucciso” la moglie.

L’uomo al momento è trattenuto in caserma, in attesa che sia sentito dalla procura di Terni alla presenza del magistrato di turno e dei carabinieri del nucleo investigativo.

“Ancora un brutale femminicidio a Napoli ad opera di chi dovrebbe amare la propria compagna invece di odiarla al punto di ucciderla. Le donne, in questa pandemia, stanno pagando un prezzo altissimo sulla loro pelle. Esprimo a nome mio e di tutta la città profondo dolore e cordoglio per il brutale omicidio di Ornella e ci stringiamo attorno ai suoi veri affetti”.

È la dichiarazione di Luigi de Magistris, sindaco di Napoli.

“Stanotte a San Carlo all’Arena si è consumato l’ennesimo femminicidio. Ornella , giovane insegnante di sostegno è stata uccisa con 15 coltellate inferte al torace dal compagno. La donna ha chiamato la sorella in piena notte affermando :”aiutatemi sto morendo”. La situazione attuale causa Covid costringe sempre più le donne entro le mura domestiche , a sopportare violenze verbali e fisiche! Il massimo sostegno da parte delle Donne Verdi e dalla Associazione Megaride Felice con la sua presidente Tina Monti alla famiglia Pinto”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments