NAPOLI – Un uomo di 30 anni, Andrea Merolla, è stato ucciso questa sera a Napoli in circostanze ancora poco chiare in via Caio Duilio.

L’agguato poco dopo le 22,30. Merolla è stato raggiunto da diversi proiettili esplosi dai sicari fuggiti poi via.

Trasportato d’urgenza all’ospedale San Paolo in gravissime condizioni, è stato rianimato più volte dai medici, ma senza successo.

L’uomo, incensurato, secondo quanto appreso dagli inquirenti del commissariato San Paolo che stanno conducendo le indagini, sarebbe vicino agli ambienti del clan Troncone attivo quartiere di Fuorigrotta.

Pochi mesi fa, il 15 marzo a pochi metri da dove stasera è stato ucciso Merolla, un altro omicidio quello di Antonio Volpe, 77 anni ucciso in via Leopardi da alcuni sicari.

Pochi giorni dopo una stesa gettò nel panico gli abitanti di via Caio Duilio, dove stasera è avvenuto l’omicidio.

Sulla morte di Merolla indaga la Polizia di Stato.

“Si tratta del secondo omicidio che avviene in zona a distanza di pochi mesi ed è l’ennesimo sull’intero territorio, dove i morti ammazzati non si contano più.

Sembra di essere in pieno Far West dove i criminali si sentono liberi di sparare in strada, anche di giorno e in aree trafficate ed affollate, come se la vita non avesse alcun valore.

Il Prefetto, la magistratura, le forze dell’ordine devono tenere sotto controllo la situazione e proteggere i cittadini per i quali oggi determinate strade sono off-limiits.”-ha dichiarato Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments