I numeri della crescita di nuovi contagi, la velocità con la quale la curva si è impennata, stanno creando i presupposti perché, dalla prossima settimana non solo la Campania ma tutta Italia rischi di diventare zona rossa.

Il virus corre e cresce la paura per le varianti. Per Bertolaso, “tutta Italia, tranne la Sardegna, si avvicina a passi lunghi verso la zona rossa”. Bonaccini avverte: “Rischiamo di essere travolti”. Record di contagi a Brescia. Sono 20.884 i positivi in tutto il Paese nelle ultime 24 ore, 347 le vittime. Il tasso positività sale al 5,8%. Test rapidi per entrare in Sardegna da lunedì.

“Dagli ultimi dati sembra inevitabile che si vada in zona rossa. Purtroppo sia a Napoli che in Campania i contagi sono in crescita e purtroppo sono in aumento i ricoveri non solo nei reparti ordinari ma anche nelle sub intensive e nelle intensive”.

Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a margine del Consiglio comunale, rispetto all’incremento dei contagi in città e in vista di un possibile passaggio in zona rossa già dal prossimo lunedì.

Secondo de Magistris, “se i dati ci portano in questa direzione, ritengo che sia meglio che lo si faccia presto così da poterci poi preparare per una primavera più tranquilla”.

VACCINO

Sì alla dose unica di vaccino anti-Covid a chi è guarito da iniettare almeno tre mesi dopo l’infezione e entro sei mesi, sia per i casi sintomatici sia per quelli asintomatici. Il via
libera arriva in una circolare del ministero della Salute. Non vale per chi presenti immunodeficienze e potrebbe essere rivisto se si dovessero diffondere varianti del virus ‘connotate da un particolare rischio di reinfezione’.

Parte da oggi la campagna di adesione alle vaccinazioni per il personale delle Università e delle Forze dell’Ordine.

Grazie alla collaborazione con le Prefetture, i Comandi provinciali, le Polizie Municipali e gli atenei della Campania, è possibile da oggi iscriversi sulla piattaforma https://adesionevaccinazioni.soresa.it/.​

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments