MILANO – Come un latitante assassino di cui non si conosceva l’identità, eccolo scoperto al microscopio il volto del Covid-19.

Arrivano da Milano le prime foto del coronavirus «lombardo». Sono state realizzate al microscopio elettronico, dopo esser stato isolato dal Laboratorio di Malattie Infettive dal gruppo coordinato dai professori Massimo Galli e Gianguglielmo Zehender, in collaborazione con l’Anatomia Patologica diretta dalla professoressa Manuela Nebuloni del Dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche Luigi Sacco.

Hanno ottenuto gli isolamenti i ricercatori Alessia Lai, Annalisa Bergna, Arianna Gabrieli e Maciej Tarkowski, mentre hanno effettuato le osservazioni al microscopio elettronico e prodotto le bellissime immagini le dottoresse sse Antonella Tosoni e Beatrice Marchini.

Nella prima foto, con un ingrandimento di 30000X, è possibile osservare le particelle virali di SARS-CoV-2 (indicate dalle frecce), adese alle membrane sulla superficie e all’interno di cellule VERO E6 utilizzate per l’isolamento. La seconda foto è una combinazione di due immagini con un diverso ingrandimento (50000X e 140000X) che mostra le particelle virali con la tipica ultrastruttura caratterizzata dalla corona di glicoproteine superficiali.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments