NAPOLI (di Raffaele De Luca) – C’è chi le indossa in maniera corretta, chi invece ancora le utilizza in maniera impropria tenendole abbassate sotto il naso, ancorate al collo o al gomito.

Nel primo giorno di ritorno all’utilizzo delle mascherine obbligatorie h 24 su tutto il territorio regionale, sono molti i cittadini che hanno rispettato le regole.

Anche i turisti presenti in città sono stati rispettosi dell’ordinanza emanata dalla Regione e come si può vedere dalle immagini hanno vissuto Napoli con il volto mascherato senza però perdersi i tesori da visitare.

In molti, specie gli anziani e i giovanissimi sono invece restii all’utilizzo della mascherina. Stamane in strada molti ne erano sprovvisti.

“Credo che la mascherina all’aperto è utile che sia obbligatoria se ci sono persone vicine, ma non quando cammini da solo o sulla spiaggia o di notte sul lungomare deserto anche perché credo che la mascherina h24 non faccia un gran bene alla salute”.

Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, commentando l’ordinanza del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che da ieri ripristina l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto sul territorio regionale.

“La preoccupazione dopo i viaggi dell’estate è aumentata anche in Campania dove – ha affermato – la bolla della propaganda del lanciafiamme è evaporata perché si è capito che non era il tema.

Gli italiani e dunque i napoletani e i campani devono capire che la prevenzione più alta è il distanziamento che credo sia la misura più efficace, poi la mascherina e l’igiene. Io – ha aggiunto – sono sempre perché ci sia un punto di equilibrio che il presidente fa fatica a trovare”.

De Magistris è tornato a sottolineare che “in Campania si fanno pochi tamponi e su questo De luca tace anche se in questo momento la Campania è la regione con molti contagi ma si fanno pochi tamponi ed è così da otto mesi”.

“Nei momenti cruciali per la Campania, De Luca torna sempre al cabaret. Ma questa volta non ci caschiamo, lo abbiamo capito: l’obbligo delle mascherine all’aperto è l’arma di distrazione di massa anche per il disastro scuola” lo dichiara in una nota Severino Nappi, consigliere della Lega alla Regione Campania.

“Mentre la nostra regione soffre per mancanza di aula, banchi, docenti, assistenti di sostegno e dispositivi di protezione De Luca prova a scaricare su quegli altri campioni del governo e mette in mezzo le mascherine nelle solite dirette a pagamento dei cittadini. Ma la Lega è in regione anche per questo, per svelare i trucchi di questo signore che non ha mai risolto problemi che resteranno fino a quando ci sarà lui”.

Ma può bastare la mascherina a difenderci e limitare la circolazione del virus. Ecco cosa ne pensano i cittadini…

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments