Rifiuti, col caldo scoppia l’emergenza! (VIDEO)

    0

    NAPOLI (di Raffaele De Lucia) – Napoli è sommersa dai rifiuti!

    Nonostante gli interventi straordinari di Asia, la città è sporca e ricoperta di ingombranti.

    Situazione difficile in periferia nell’area Nord tra Scampia e Casoria.

    Ma anche nel centro storico specie nella zona di Salvator Rosa, dei Quartieri Spagnoli, di Materdei e a ridosso della Sanità.

    Frigoriferi, materassi, lavatrici ma anche materiale di risulta derivante da opere di rinnovo locali e abitazioni riempiono le aree di raccolta.

    In molti casi come nella zona del Rione Traiano e di Soccavo oltre la spazzatura in strada anche pneumatici e materiale proveniente da scarti di carrozzeria.

    Una situazione che da ferragosto potrebbe aggravarsi vista l’imminente chiusura di una delle linee del Termovalorizzatore di Acerra.

    Il presidente De Luca punta il dito contro le amministrazioni locali.

    I cittadini napoletani però non sono esenti da colpe.

    In molti casi è l’inciviltà di molti a riempire le strade di spazzatura ma c’è chi esasperato racconta.

    Numerosi mezzi che si occupano di raccolta differenziata dei rifiuti sono stati danneggiati all’interno del piazzale di un’impresa del settore a Giugliano (Napoli).

    Ignoti hanno sottratto le batterie ed il gasolio a 14 camion mentre ad altri mezzi sono stati rotti i vetri.

    Il titolare dell’impresa ha riferito alla Polizia di non aver avuto alcuna richiesta estorsiva

    In quasi tutti i comuni della provincia di Benevento è a rischio la raccolta della frazione organica dei rifiuti per carenza di impianti disposti a riceverli, anche pagando cifre triplicate rispetto al normale prezzo di mercato.

    E’ quanto trapela dalle amministrazioni comunali che, attraverso le aziende preposte alla raccolta, sono alla ricerca di soluzioni per evitare che i rifiuti restino per le strade a partire da Ferragosto.

    Secondo gli interessati “è necessario un incontro urgente in prefettura a Benevento per individuare un piano strategico, anche straordinario, al fine di scongiurare l’emergenza”.

    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments