locandina_off_1

OTTAVIANO- Oltre cinquanta chef provenienti da tutta la Campania, tra stellati e potenziali candidati all’ambìto riconoscimento assegnato dalla guida Michelin, si apprestano a ritornare alle falde del Vesuvio armati di padelle e di forte spirito goliardico per una imperdibile due giorni del gusto.

Dopo il successo della scorsa edizione il 18 e 19 giugno torna, infatti, OFF – Ottaviano Food Festival, l’evento che intende promuovere e valorizzare le eccellenze e le tradizioni agroalimentari ed enogastronomiche del territorio vesuviano e regionale. Caratteristica immutata di OFF anche per questa seconda edizione sarà la finalità solidale dell’evento, in quanto i proventi delle due serate saranno devoluti interamente alla onlus Sos Sostenitori Ospedale Santobono.L’edizione 2017 sarà arricchita da tante sorprese e, soprattutto, da una nuova location: l’evento di domenica 18 giugno si svolgerà nel suggestivo Palazzo Mediceo di Ottaviano, sede del Parco nazionale del Vesuvio e simbolo di legalità e bellezza. All’interno del Castello a partire dalle ore 19,30 durante “Chef a Corte” sarà possibile gustare piatti preparati da chef stellati ed emergenti. Oltre alle postazioni chef, sarà previsto anche un percorso degustazione a cura dei consorzi e dei produttori locali. Nel corso della serata gli chef stellati si alterneranno in una serie di cooking show. E’ previsto un ticket di ingresso di 15 euro che comprende 3 piatti chef, 3 degustazioni, vino, caffè o amaro. Il ticket di ingresso potrà essere acquistato direttamente in loco.Lunedì 19 giugno ci si trasferirà, invece, presso il salone dell’ISIS De’ Medici per la cena di gala che vedrà gli allievi dell’Istituto alberghiero accanto agli chef stellati impegnati nella preparazione del menu della serata. La partecipazione alla cena di gala prevede un contributo-donazione di 100 euro. Off, nato da un’idea dello chef Alfonso Crisci, patron di Taverna Vesuviana restaurant, e dell’Associazione Arcobaleno vesuviano, si avvale del partenariato del Comune di Ottaviano e dell’Ente Parco Vesuvio, della collaborazione dell’Isis De’ Medici di Ottaviano, del Consorzio di tutela vini del Vesuvio e Consorzio di tutela del pomodorino del piennolo e del patrocinio della Regione Campania, del Gal “Vesuvio Verde”, della Alleanza Slow Food,  dell’Ais (Associazione Italiana Sommelier), dell’Associazione strade del vino del Vesuvio e dei prodotti vesuviani  e della onlus Sos Sostenitori Ospedale Santobono.

 

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments