NAPOLI – La sesta edizione di Storie di Vini e Vigne a Cap’alice prende il via con i Barbaresco Cantina Rizzi.
40 anni di storia di vino tra le Langhe e 40 ettari di vigna tra le colline di Treiso, in bassa Langa, dove l’ultima generazioni di vignaioli, Jole ed Enrico Dellapiana, porta avanti il progetto di una delle migliori espressioni di Barbaresco. Alta è la fama dei vini Rizzi, dove la grande passione non si è mai assopita nonostante il successo riscontrato. Martedì 29 ottobre sarà proprio Jole a raccontare la lunga storia di famiglia e i due cru che ha voluto in degustazione per il pubblico di Cap’alice: Barbaresco Nervo 2014, 2015, 2016 e Barbaresco Pajore 2014, 2015, 2016.

Una gran fetta dell’Italia buona, autentica, sostenibile e produttiva si preserva proprio tra le vigne e la famiglia Dellapiana ne è uno dei principali attori. La passione per la terra è il motore potente che ha dato coraggio all’ambizione, prendendo forma tra le trame di vini che sanno raccontare con sincerità questa parte di Langa particolarmente profonda ed espressiva. Non ci resta che ascoltare Jole e i suoi Barbaresco.

Conduce la giornalista Marina Alaimo

L’oste Mario Lombardi prepara i piatti da abbinare ai vini Cantina Rizzi

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami