SALERNO – Un nuovo riconoscimento per l’agricoltura salernitana. Nella Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea  del 9 luglio 2024  è stata registrata la denominazione “Cavolfiore della Piana del Sele Igp”. Si tratta, secondo i dati aggiornati dell’Osservatorio Qualivita,  della denominazione  numero 29 fra le Dop e Igp del cibo per la Campania.

Il cavolfiore della Piana del Sele IGP si presenta di forma tondeggiante con un calibro di valore minimo di 13 cm, di consistenza compatta e croccante. È immesso allo stato fresco, nelle seguenti tipologie:  affogliato, coronato, semi coronato,  defogliato e nudo.

La zona di produzione del Cavolfiore della Piana del Sele IGP comprende comuni di Albanella, Altavilla Silentina, Battipaglia, Bellizzi, Capaccio Paestum, Eboli, Giungano, Montecorvino Pugliano, Montecorvino Rovella e Pontecagnano Faiano.

Complimenti al fautore di questo di questo riconoscimento, il dott. Antonio Vocca, direttore della O.P.  Solco Maggiore, che ha dato vito al comitato promotore per il riconoscimento della Igp, sono stato espressi da Antonio Costantino, presidente di Confagricoltura Salerno.  Il comitato, costituito dai maggiori produttori di cavolfiore della Piana del Sele, si è avvalso della consulenza tecnica e scientifica del professor Gianluca Caruso, della Facoltà di Agraria di Portici, della dottoressa Rosa Pepe, del Craa (Centro ricerca applicata in agricoltura) di Pontecagnano e dell’agronomo Aniello Bacco.

La registrazione della denominazione è solo il primo passo, ora bisognerà certificare le produzioni e successivamente costituire il consorzio di tutela e valorizzazione.

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments