VERONA – Il Covid-19 ferma anche il Vinitaly di Verona.

Per il secondo anno successivo salta la grande kermesse del vini internazionale di Verona.

Fino a pochi giorni fa, il presidente di Verona Fiere Maurizio Danese e il direttore generale Giovanni Mantovani hanno cercato di salvare il salvabile, pensando ad una formula che evitasse gli assembramenti.

Ma l’esplodere dei contagi con la terza ondata dovuta alle varianti del virus e l’incertezza del piano vaccinale (aumentata dopo la sospensione del vaccino AstraZeneca) ha convinto gli organizzatori a lasciar perdere, anche dopo le perplessità avanzate da cantine e Consorzi.

La nuova data prevista del Vinitaly è 10-13 aprile 2022.

“Le permanenti incertezze sullo scenario nazionale ed estero e il protrarsi dei divieti ci hanno indotto a riprogrammare definitivamente la 54/A edizione della rassegna nel 2022″ ha detto il presidente Maurizio Danese. Si tratta di una scelta di responsabilità, ancorché dolorosa”. Resta confermata OperaWine, con presenza di Wine Spectator e delle top aziende; si terrà il 19 e 20 giugno 2021 a Verona.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments