IMG_6632

NAPOLI – I nove pizzaioli più rappresentativi della scena attuale a Napoli scelgono Nalbero per preparare le pizze fritte della tradizione e contribuire alla cura dei più piccoli. 

Stamattina Enzo Coccia, Antonio Starita, Francesco e Salvatore Salvo, Ciro Salvo, Attilio Baghetti, Gino Sorbillo, Guglielmo Vuolo e Franco Pepe sono stati al primo piano di Nalbero, la grande struttura natalizia allestito alla Rotonda Diaz sul lungomare di Napoli: per loro un grande spazio dove preparare le pizze fritte, tipiche della tradizione delle festività natalizie a Napoli: “Prima dei cenoni del 24 dicembre e del Capodanno – spiega Enzo Coccia – a Napoli c’è l’usanza della ‘sopponta’, di mangiare cioé una pizza fritta a pranzo per tenere impegnato lo stomaco in vista delle prelibatezze della tavola serale. E’ questa la tradizione che abbiamo deciso di replicare a Nalbero, confermando il nostro impegno nella solidarietà”. Le straordinarie pizze fritte dei maestri napoletani costeranno cinque euro l’una e una parte del ricavato sarà devoluto per il finanziamento del progetto “Re-Life, children’s tech project” per l’allestimento di 15 postazioni di rianimazione pediatrica per all’ospedale Santobono di Napoli. Oltre a gustare le pizze napoletane, su Nalbero si potrà anche acquistare (con una donazione minima di 10 euro) il calendario One Pizza, realizzato dagli stessi pizzaioli partenopei per l’Associazione S.O.S. Sostenitori Ospedale Santobono ONLUS, che sarà giovedì su Nalbero con un proprio banchetto per la vendita dei calendari: i risultati della raccolta e lo stato del progetto saranno poi pubblicati su www.santobono.it e sulla piattaforma https://www.meridonare.it/progetto/re-life. La raccolta dei fondi attraverso la vendita del calendario, realizzato dal fotografo Salvio Parisi, è già attiva nelle otto pizzerie dei maestri napoletani.  Ma la giornata di giovedì a Nalbero è ricchissima di appuntamenti: alle 17, infatti, sarà la volta di Salvatore Esposito, l’attore che interpreta Genny Savastano nella serie Gomorra. Esposito sarà nello spazio della libreria Mooks per incontrare il pubblico e firmare le copie del suo libro “Non volevo diventare un boss”, edito da Rizzoli.  Tutti coloro che acquisteranno il libro da Mooks  Mondadori a Piazza Vanvitelli o al corner di Nalbero avranno diritto a un pass prioritario per l’accesso all’evento. 

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments