CETARA – Sarà un Natale pieno in Costiera Amalfitana. Un’altra stagione tutta da vivere. Domani ad Amalfi, alle ore 17 la processione subacquea alla Grotta dello Smeraldo. I sub del Gruppo operativo Subacqueo di Salerno raggiungeranno la Natività sui fondali marini. Si tratta del primo Presepe sottomarino realizzato in Italia, in ceramica di Vietri. A Cetara il 9 Dicembre la Festa della Colatura delle Alici. Non mancheranno però i sentieri da quello degli Dei al Sentiero dell’Alba, dal Sentiero dei Limoni al Vallone delle Ferriere, che prende il nome dai ruderi delle ferriere di origine medievale, ma anche il Sentiero dei Tre Calli.

Ed ancora Presepi Viventi a Montepertuso, la città – presepe di Positano. Domani il via allo storico Presepe Vivente di Agerola con la Natività più suggestiva di tutta la Campania, nel cuore dei Monti Lattari. E nella notte di Natale ad Atrani, negli stessi minuti anche ad Amalfi, la Calata della Stella con Fuochi Pirotecnici. Dal 16 Dicembre il suono delle zampogne nei vicoli di Minori con i percorsi presepiali, Maiori, Amalfi, Ravello.

“Domani 7 Dicembre ad Amalfi alle ore 16 processione subacquea alla Grotta dello Smeraldo. I sub renderanno omaggio al bambinello deposto sui fondali, nel primo presepe sottomarino realizzato in Italia, per la prima volta, con ceramica di Vietri nel 1964. I sub del Gruppo operativo subacqueo di Salerno si tufferanno nel mare buio dando vita ad una fiaccolata marina per poi raggiungere le statue della natività che si trovano sul fondale. Quello di domani sarà un evento particolarmente emozionante. La Grotta dello Smeraldo si trova a circa 5 km da Amalfi, nella baia di Conca dei Marini. Alle ore 15 e 30 la Cerimonia religiosa, alle 17 la processione subacquea.

La Costiera Amalfitana è luogo di profumi e di colori, di storie e dello star bene.

A Cetara il 9 Dicembre inizierà la Festa della Colatura delle Alici. Apertura con il Ministro delle Politiche Agricole Teresa Bellanova ed il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. Conferenze, incontri, gare culinarie, visite guidate, degustazioni.
Alle ore 9 e 30 conferenza presso la Sala Polifunzionale “Mario Benincasa”. Alle ore 11 e 30, alla Torre Vicereale, svolgimento della cerimonia della spillatura della Colatura delle Alici di Cetara, poi visite guidate al Museo Cantina e degustazioni delle eccellenze enogastronomiche del territorio.

Dunque la Costiera è da vivere 365 giorni l’anno. D’Estate il mare e non solo, poi borghi, sentieri, montagna.
La Costiera Amalfitana si prepara al Natale ed ogni borgo avrà un colore che lo illuminerà e soprattutto un evento atteso.

“Il 9 Dicembre daremo il via alla Festa della Colatura delle Alici di Cetara – ha affermato Fortunato Della Monica, sindaco di Cetara – nel cuore della Costiera Amalfitana. Inizieremo Lunedì alle ore 9 e 30, con l’arrivo delle più alte istituzioni politiche del territorio europeo, nazionale e locale per parlare di pesca, Blue Economy e sostegno alle comunità locali del Mediterraneo. Nell’ambito del PO FEAMP Campania 2014/2020 e con il patrocinio del Comune di Cetara, l’incontro “Blue Economy: la pesca sostenibile, motore per lo sviluppo delle comunità locali del Mediterraneo” organizzato dal FLAG Approdo di Ulisse, sostenitore della piccola pesca costiera artigianale. Gli obiettivi primari e le azioni strategiche del Piano d‘Azione del FLAG, riconducibili ai temi del turismo sostenibile, dell’innovazione delle filiere produttive locali e di diversificazione economica connessa ai mutamenti nel settore della pesca, finora, hanno consentito al territorio della Penisola Sorrentina ed Amalfitana di costruire un ampio quadro di opportunità.
Vogliamo porre le basi per la costruzione fattiva di un ampio quadro di opportunità, nel futuro prossimo, con lo scopo di convergere, sinergicamente, stakeholder pubblici e privati del settore, porre le fondamenta per la costruzione di un futuro migliore per il nostro territorio, le nostre coste e la nostra risorsa mare che, per l’area costiera dei ventidue comuni del FLAG, rappresenta una importante opportunità di sviluppo economico e di “conservazione” del patrimonio culturale local. In questo contesto, sono sicuro che gli addetti ai lavori saranno disponibili a confrontarsi sull’introduzione di nuove misure attuative e ad attivare una maggiore collaborazione che porti benefici, non solo a chi è attore principale, ma anche alle attività complementari a sostegno delle politiche per il coinvolgimento delle generazioni future.
Per questo motivo, abbiamo pensato di dedicare l’intera giornata del 9 Dicembre alla celebrazione del mare in tutte le sue forme e, con il contributo dell’Associazione per La Valorizzazione della Colatura di Alici di Cetara, poter assistere alla spillatura della Colatura di Alici di Cetara, che cade in questo periodo specifico, per degustare le eccellenze gastronomiche del territorio e visitare il “Museo Cantina della Colatura”, uno spazio dedicato interamente alla pesca che ci rende orgogliosi, assieme a tutti i cetaresi». Ed ecco che Lunedì, 9 Dicembre alla prima parte della giornata, incentrata sul dibattito e sulla situazione attuale in cui versa la pesca e tutte le attività a essa collegate, seguirà un momento dedito alla condivisione di esperienze olfattive, gustative, tattili e visive che si svolgerà presso la Torre Vicereale. Tra le presenze anche Filippo Diasco – Direttore Generale Agricoltura e Pesca – Regione Campania, Riccardo Rigillo – Direttore Generale Pesca Marittima – Mipaaf, Giosi Ferrandino -Vice Presidente Commissione Pesca, Parlamento Europeo.

I Presepi Viventi di Agerola e Montepertuso la Città – Presepe di Positano.

Montepertuso è un piccolo borgo appartenente a Positano, una Città – Presepe. Il suo nome deriva dal fatto che sorge ai piedi di una montagna bucata. I vicoletti di Montepertuso, i cortili, le piazzette davvero minuscole, si trasformano in un presepe vivente con la partecipazione di tutti ma proprio tutti i cittadini. L’intero borgo diventa “palcoscenico” del Presepe Vivente. Interessante vivere anche l’attività preparatoria con la preparazione delle musiche natalizie e popolari, dei costumi, degli ambienti.

E domani, Sabato 7 dicembre 2019 al via ad Agerola la XXXII edizione del presepe vivente di Campora, frazione di Agerola, splendido borgo dei Monti Lattari che fa parte della Costiera Amalfitana. Si tratta di una delle rappresentazioni della Natività più suggestive dell’intera Campania. L’evento si svolgerà il 7 Dicembre ma anche in altre date come: 21 Dicembre, 26 Dicembre, 29 Dicembre, 4 Gennaio dalle ore 16 e 30 alle ore 21. Previste anche degustazioni degli antichi sapori. Agerola che conta 7745 abitanti.

Agerola è una vera terrazza sulla Costiera Amalfitana. Tanti i sentieri da vivere tutto l’anno come ad esempio il Sentiero degli Dei Un percorso altrettanto suggestivo, immerso nel verde dei boschi e delle felci dei Monti Lattari, è quello che attraversa il Vallone delle Ferriere, che prende il nome dai ruderi delle ferriere di origine medievale. Il Sentiero dei Tre Calli regala invece una piacevole scalata sul Massiccio Tre Calli, così chiamato per la tipica conformazione della dorsale rocciosa posta sulla valle, composta da tre cimali. Tra questi: Sentiero dell’Orrido di Pino (lunghezza 5 Km), Sentiero delle Fonti (lunghezza 5 Km), Sentiero della Praia (lunghezza 4 Km), Sentiero Denti del Gigante (lunghezza 7 Km) e Sentiero dell’Alba (lunghezza 4 Km).

Ad Agerola sarà possibile ammirare opere di interesse architettonico e culturale. come i resti del Castello Lauritano, una roccaforte realizzata con pietre calcaree ed immersa nel verde, visitare il Santuario di Maria SS. del Rosario, che custodisce una statua considerata miracolosa ed ancora la Chiesa di Santa Maria la Manna dove è invece custodita la Madonna della Manna, la Chiesa di S. Matteo Apostolo e la Chiesa di S. Martino. Da visitare anche il Museo Etnoantropologico che raccoglie e custodisce tutta la storia antica del territorio, e tra le sue opere più preziose la Croce Processionale, una croce bifacciale, con motivi decorativi medievali, risalente al XV secolo.
Le prime tracce di presenza umana nel territorio risalgono molto probabilmente alle Prime Età del Ferro. Agerola è famosa nel mondo per la produzione di prodotti caseari come la mozzarella.
In seguito ai danni arrecati dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C., il suolo fu coperto da un metro e mezzo di pomici per cui si registrò un certo spopolamento anche se l’allevamento bovino dovette rimanere florente, tanto che nella seconda metà del II secolo d.C., Galeno, medico di Marco Aurelio e Commodo, nel “De metodo memendi” (V,12) vantava la bontà e le qualità terapeutiche del latte prodotto sui Monti Lattari.

Tutti di grande richiamo gli eventi del Natale in Costiera.
Dal 16 Dicembre al 24 Dicembre in diversi paesi della Costiera Amalfitana (Amalfi – Minori – Maiori – Ravello ), le zampogne suoneranno per tutto il giorno.
A Minori dal 25 Dicembre fino a metà Gennaio 2020: commedia natalizia nel Palazzo delle arti.

Ad Amalfi e ad Atrani la Notte di Natale con la spettacolare Calata della Stella.

IL 24 dicembre 2019 – ad Amalfi. Alle ore 23.45 si terrà la tradizionale calata della stella con fuochi pirotecnici. Spettacolari fuochi pirotecnici provenienti anche dal mare illumineranno la splendida Amalfi, al suono delle zampogne che saranno al seguito della processione del Gesù Bambino. Alle ore 24 la Santa Messa in Cattedrale.
Ad Atrani negli stessi minuti : 140° edizione della calata della stella ore 23.30.
La Stella calerà giù dal monte Aureo, illuminando questo piccolo borgo di pescatori. In contemporanea o quasi partiranno fuochi pirotecnici che avvolgeranno Atrani in un abbraccio di colori intensi. Fuochi che partiranno da più punti diversi del borgo.

Il 26 – 28 e 30 dicembre 2019 ad Amalfi: Cattedrale XXVII edizione di “Amalfi canta il Natale”, rassegna di cori polifonici

I CONCERTI DI CAPODANNO AD AMALFI E MINORI.
Il 1 gennaio 2020 ad Amalfi: a mezzanotte, Capodanno in piazza e alle ore 12,00 Concerto di Capodanno nella Basilica del Crocifisso
A Minori: ore 12,00 Concerto di Capodanno nella Basilica di S. Trofimena
Dal 1 al 6 gennaio 2020
In diversi paesi della Costiera (Amalfi, Maiori, Minori, Ravello), sfilate delle bande folkloristiche di Capodanno

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami