NAPOLI – “Facciamo un pacco alla camorra”?

È da questa domanda che nasce una storia bellissima, ambientata in territori in cui il “sistema” camorristico ha storicamente tentato di sostituirsi a quello istituzionale, in cui, i suoi protagonisti, si sono ribellati al dominio delle cosche con l’esercizio di buone pratiche, anzi, ottime pratiche!

Era il 2012, quando alcuni imprenditori, che nel tempo avevano ridato dignità e speranza ai propri territori, con la costituzione di cooperative sociali su beni confiscati alla camorra, incontrandosi hanno ben pensato di essere ancora più incisivi per il bene della collettività e, con un gioco di parole che mette in scacco la camorra, è nata N.C.O.: “Nuova Cooperazione Organizzata”.

Un progetto nato da una visione meravigliosa di agricoltura sociale a filiera corta ed etica. Si tratta di “un modello di sviluppo, un nuovo welfare innovativo locale, attraverso una prospettiva multidimensionale e fortemente pragmatica volta all’esplorazione di nuove forme di integrazione tra profit e no profit, tra pubblico e privato”. N.C.O. è fatta di persone, di uomini e donne, che si mettono in gioco anteponendo il bene della collettività al proprio, costruendo ogni nuovo giorno, vivendolo pienamente con il solo obiettivo di fare la differenza per la propria terra e per tutti coloro che sono ai margini di una società che, tristemente, premia una visione basata sul capitale.

“Facciamo un pacco alla camorra” racconta di un riscatto che parte dalla presa in carico di soggetti svantaggiati e passa attraverso la riappropriazione dei beni confiscati alla camorra e di beni comuni abbandonati. L’iniziativa si propone di offrire un mix di prodotti, all’interno di un pacco natalizio, da regalare ai propri cari, o per farne un gadget aziendale per fornitori o clienti. Un pacco, la cui vendita servirà a raccogliere fondi per sostenere progetti e attività delle tante realtà che costituiscono N.C.O.

L’iniziativa Facciamo un ‘Pacco alla camorra’ è sostenuto da una solida rete di collaborazione che il Consorzio NCO, ideatore del Pacco, promuove in collaborazione con Comitato don Peppe Diana, Libera, Cittadinanza Attiva e in partenariato con l’AICS (Associazione Italiana Cultura e Sport) e con il Fondo assistenza per il personale della Polizia di Stato che si occupa dei più fragili.

“Acquistare il pacco in questo momento significa anche investire nella tenuta sociale ed economica della parte più fragile del Paese”, significa non abbassare lo sguardo da chi è in difficoltà. Stappare una bottiglia di vino o mangiare una fetta di panettone artigianale con la confettura di mela annurca trasformata su un bene liberato dalle mafie, ha un sapore particolarmente buono, giusto e di speranza per un anno nuovo e migliore”.

Ogni anno il pacco prova a sensibilizzare l’opinione pubblica verso tematiche sociali, quest’anno è ispirato alla donna, ed è dedicata alla sua capacità di coniugare resilienza e solidarietà, coraggio e dolcezza, innovazione e storia. L’obiettivo è allontanare qualsiasi tipo di discriminazione reclamando diritti spesso negati, sospesi ed annullati. Facciamo un Pacco alla camorra invita a superare insieme ogni barriera divisiva conferendo dignità a territori e persone.

Da novembre, su Amasud, sarà possibile acquistare il pacco, ed è garantito, che se lo ordinerete, sarà una grande soddisfazione esclamare: “FACCIAMO UN PACCO ALLA CAMORRA!”
Sito web: www.amasud.it

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments