POMPEI – La Campania capitale del turismo scolastico e dei viaggi didattici con la prima Borsa del Turismo Scolastico e della Didattica (B.I.TU.S.), in programma dal 31 marzo al 3 aprile nel Real Polverificio Borbonico a Scafati. Il sito è parte del Parco archeologico di Pompei; nel Polverificio sono stati avviati i lavori di riqualificazione che, nel corso dei prossimi mesi, consentiranno di riaprire al pubblico gran parte del parco monumentale con il Viale dei Platani più lungo d’Italia. Con B.I.TU.S. sarà quindi possibile godere di un’anteprima del bellissimo spazio verde.

All’interno del sito è stata attrezzata una superficie di 3500 mq con gli stand di circa 90 espositori per accogliere il pubblico e gli addetti ai lavori.

Durante i quattro giorni della fiera, sostenuta dalla Regione Campania, sono previsti incontri, seminari, workshop, ospiti, laboratori, spettacoli, focus sui beni culturali, siti UNESCO e mete di viaggi d’istruzione, innovazione e opportunità, per una didattica al passo con i tempi. Tra gli argomenti al centro del dibattito, particolare attenzione sarà data alla povertà educativa, alla disabilità, all’inclusione e al bullismo.

Alla B.I.TU.S. saranno presenti con un proprio stand, oltre la Regione Campania, i principali culturali regionali: Parco Archeologico di Pompei, il MANN Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il Parco Archeologico dei Campi Flegrei, il Parco Archeologico di Paestum e Velia, ilCartastorie – museo dell’Archivio Storico del Banco di Napol e il Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni.

“Il Turismo scolastico – afferma Felice Casucci, assessore regionale al Turismo – oltre ad essere un formidabile strumento di promozione del territorio, rappresenta anche una iniziativa sociale che incide sulla capacità di formare i cittadini di domani. La gita scolastica lascia ricordi indelebili che spesso si trasformano in itinerari da ripercorrere in futuro. Non senza una punta di orgoglio, ritengo che questo sia uno dei settori dove il nostro territorio può presentarsi come regione di eccellenza e con un primato culturale unico in Italia e all’estero”.

Oltre al programma informativo per le scuole, per le famiglie saranno previsti appositi eventi come il laboratorio ambientale interattivo, incontri sul fumetto a cura della Scuola Italiana di Comix, corsi di equitazione, di tiro con l’arco e spettacoli dedicati a Dante Alighieri.

Visitando B.I.TU.S. sarà quindi possibile godere in anteprima questo splendido sito.

“La B.I.T.U.S. nasce con l’obiettivo di mettere in connessione la domanda e l’offerta, per ciò che concerne i viaggi studio, il turismo culturale giovanile e le nuove forme di didattica non formale in Italia, in un periodo così delicato come quello che il paese sta vivendo – spiega l’ideatore Domenico Maria Corrado. – Il nostro auspicio è che il mondo della scuola e del Turismo ad essa dedicato si dia appuntamento a Pompei, in questi giorni tra marzo e aprile, per progettare un futuro comune, alla luce delle conseguenze devastanti che l’intero comparto didattico ha subito a causa della pandemia, che ha, di fatto, rivoluzionato e sempre più condizionerà lo sviluppo della didattica e dei viaggi d’istruzione”.

“L’impegno del Parco Archeologico di Pompei – dichiara il direttore Gabriel Zuchtriegel – è quello di restituire alla comunità e alle famiglie del territorio un grande spazio verde urbano, pubblico e accessibile. Aver concesso una parte dell’area verde per la B.I.TU.S. rappresenta per noi una occasione per iniziare a ridar vita a questo luogo della memoria come il Real Polverificio, sebbene siano ancora in corso i lavori per la riqualificazione del parco. E siamo dunque lieti di poter ospitare una manifestazione rivolta principalmente ai giovani e alle scuole, che per primi devono potersi riappropriare degli spazi pubblici. Oltre all’ampia area verde, il sito è al centro di un più ampio piano di riqualificazione che intende valorizzare l’intero complesso con gli edifici storici”.

“I beni culturali e il turismo culturale dopo la pandemia: si riparte da Pompei, la meta turistica mondiale per eccellenza, grazie alla Bitus. Prima dell’emergenza sanitaria, la città di Pompei registrava 6 milioni di visitatori l’anno– spiega Carmine Lo Sapio, Sindaco di Pompei-. Con la programmazione di eventi dal respiro internazionale, organizzati dall’Amministrazione Comunale – come il ‘Pompei Street Festival’ – e servizi di accoglienza innovativi, Pompei ritornerà ai grandi numeri avuti fino a dicembre del 2019. La capacità di fare sistema della mia Amministrazione, attraverso la condivisione di intenti, con il Parco Archeologico, porterà la Città di Pompei ad organizzare manifestazioni, già da questo 2022 dentro e fuori gli Scavi, dall’interesse culturale e turistico mondiale. La B.I.TU.S. è un valido strumento per consegnare agli operatori turistici il compito di essere ambasciatori e di promuovere la narrazione dell’unicità di Pompei, per la presenza del sito archeologico e del Santuario dedicato alla Beata Vergine del Santo Rosario – venerata in tutto il mondo -, offrendo un modo di viaggiare al mondo della scuola all’insegna della sostenibilità e dell’autenticità dell’esperienza turistica, in totale coerenza con gli attuali trend della domanda”.

B.I.TU.S. – Borsa Internazionale del Turismo Scolastico e della Didattica fuori dalla classe, appuntamento sostenuto dall’Assessorato al Turismo della Regione Campania e dal Comune di Pompei e grazie alla disponibilità degli spazi del Parco Archeologico di Pompei, è un evento ideato e organizzato da Tappeto Volante di Domenico Maria Corrado, con il contributo di Idee in azione e il coordinamento scientifico di BTO Educational, Fund4arte CoopCulture.

La partecipazione a B.I.TU.S. e a tutti gli eventi in programma è gratuita.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments