NAPOLI – Mari azzurri e cristallini, corsi d’acqua limpidi ed aria più pulita sono alcuni degli effetti benefici nel territorio campano dati dal fermo delle attività produttive per l’emergenza sanitaria da Coronavirus.

Ma cosa accadrà quando sarà messo fine al lockdown e le aziende e le fabbriche ripartiranno? Questo è un tema più volte affrontato dal Consigliere Regionale del sole che ride Francesco Emilio Borrelli, che ha avviato una campagna di sensibilizzazione affiche l’ambiente venga rispettato anche nel post-emergenza.

Sembra, così, che i cittadini comincino a capire l’importanza di difendere l’ambiente e nasce, ad esempio, il gruppo facebook “Denunciamo chi inquina il litorale Napoletano” creato da Alessia B., dove vengono mostrate, attraverso un video, delle immagini spettacolari del mare di Capri accompagnate dal testo: “Capri come le Hawaii ai tempi del Coronavirus. La natura ci dà una seconda chance! Proteggiamo il nostro litorale, facciamo ripartire il turismo, denunciamo chi sversa immondizia nei nostri mari. Napoli è casa nostra.”.

“Noi abbiamo sempre denunciato chi inquina il nostro territorio e continueremo a farlo. Ci aspettiamo, quando l’emergenza sanitaria sarà finita, che i cittadini ci diano una grossa mano a combattere gli incivili e i criminali che distruggono la nostra terra, per fare in modo che quello che la natura ora ha ripreso non vada di nuovo perduto a causa della mano dell’uomo.”- racconta il Consigliere Borrelli- “La nascita di gruppi come ‘Denunciamo chi inquina il litorale Napoletano’ ci fa ben sperare per il futuro, ci auguriamo che diventi un esempio per tutti gli altri ed un monito per chi ha sempre inquinato il territorio e le istituzioni che non hanno fatto il proprio dovere”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments