NAPOLI – Ritorna “La Cassa del Mezzogiorno”, il regalo di Pasqua etico, sociale, giusto che nasce a Scampia (Napoli), in seno alle attività dell’Officina delle Culture “Gelsomina Verde” e sotto il marchio della rete delle Resistenze Meridionali. La Cassa del Mezzogiorno è un’iniziativa di carattere culturale ed economico che mette a regime la rete di attività produttive e culturali del Mezzogiorno d’Italia che, quotidianamente, sostengono progetti di inserimento lavorativo, ideata e coordinata dall’Associazione (R)Esistenza Anticamorra presieduta dal neo cavaliere della Repubblica Ciro Corona.
Dopo l’esperienza natalizia che ha visto l’ingresso nel progetto del gruppo editoriale Giammarino di Napoli, fondato da Gino Giammarino nel 1999, che da sempre sostiene e promuove attività di sviluppo economico imprenditoriali e culturali dei territori meridionali e mediterranei, alte due realtà entrano a far parte della Cassa del Mezzogiorno. Si tratta della Cooperativa sociale “Esperanto” di Castel Volturno (Ce) coordinata da Alessandro Buffardi e l’azienda agricola “Terra Madre” di Fossalto (CB) coordinata da Giuseppe Gallo. Ad esse si affianca la realtà sociale DescargaLab di Milano che sin dalla nascita sostiene questo progetto made in Sud.
Un segno importante volutamente lanciato in un momento di crisi mondiale, che vede realtà operative diverse del Sud unirsi e convergere verso un unico obiettivo. La Cassa del Mezzogiorno, nata nel 2015, cresce, allarga i suoi confini e allunga le proprie prospettive rispettando la propria mission, cioè di ribaltare il significato storico dell’ente assistenziale fondato nel 1950, nato per dare risposte concrete all’arretratezza infrastrutturale del Sud e finito col diventare una macchina assistenziale, funzionale alla cattiva politica, depredando territori e annientando le speranze di un reale cambiamento. Oggi, invece, diventa simbolo e strumento di riscatto di un Sud capace di fare impresa, accompagnare la crescita e progettare il futuro mettendo insieme le logiche virtuose delle reti del mondo “profit” e “no-profit” che, massimizzando profitto sociale dei territori, senza trascurare l’aspetto produttivo ed economico, provano a restituire dignità a persone e territori partendo dal riutilizzo, promozione, valorizzazione e gestione di beni confiscati e beni comuni d’Italia.

La Cassa comprende:

Nr 1 bottiglia di Vino Falanghina DOC Campi Flegrei “Selva Lacandona, prodotta secondo il principio dell’agricoltura sociale, con progetti individualizzati di inserimento lavorativo per detenuti, sul bene agricolo confiscato Fondo Rustico “Amato Lamberti” di Chiaiano (Na) – Cooperativa Sociale (R)esitenza Anticamorra – vinificata dall’azienda vitivinicola “Cantine degli Astroni” .
Nr 1 Libro “Per oggi non si cade” edito dalla Giammarino Editore, un racconto del drammaturgo e scrittore Manlio Santanelli. Ventiquattr’ore di surreale sospensione per scandagliare con tagliente ironia una Napoli dipinta in tutti i suoi chiaroscuri.
Nr 1 Confezione di ceci (400 gr) dell’azienda agricola biologica “Terra Madre” di Fossalto (CB). Una produzione esclusiva in modo biologico nel parco delle Morge da un’azienda fondata alla fine dell’800 e che nel 2018 ha ricevuto il Premio Ismea 2018 “Talenti da Coltivare”.
Nr 1 Confezione di pasta (500 gr – formati vari tra maccheroncini, fusilli e pappardelle), della cooperativa sociale “Esperanto” di Castel Volturno (CE), realizzata con grano coltivato su un terreno confiscato alla camorra (circa 10 ettari) nel Comune di Cancello ed Arnone (CE), oggi intitolato alla memoria di Michele Landa, vittima innocente della camorra.
Nr°1 Cartolina d’Auguri musicale di DescargaLab dedicata alle donne dell’ ASD “Le Ali di Scampia” e agli attivisti e attiviste di Libera Masseria di Milano.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments