palazzo-San-Giacomo-600x400

NAPOLI (di Federica Colucci)-In un’epoca caratterizzata dagli effetti della crisi economica, a causa della quale aumentano i livelli di povertà e i rischi di esclusione sociale, anche nella multisfaccettata realtà napoletana ci sono giovani che, per varie motivazioni, non sono riusciti a portare a termine il percorso formativo scolastico e, pertanto, non hanno avuto la possibilità di  acquisire competenze specifiche per entrare nel mondo del lavoro.

E’ a loro che si rivolge il progetto “Dote Comune”, presentato a Palazzo San Giacomo dall’Assessore al Welfare Roberta Gaeta, percorso esperienziale inedito e sperimentale che intende tracciare un percorso verso il futuro per più di 150 giovani napoletani fra i 16 e i 19 anni.​Dai primi giorni di aprile, per un periodo che va dai 12 ai 16 mesi a seconda del caso specifico, il Comune di Napoli offrirà interventi alternativi rispetto a quelli tradizionali, inserendo i ragazzi nel mondo del lavoro mediante l’attivazione di un percorso formativo multiesperenziale, che prevede l’orientamento, l’esperienza sul campo, l’acquisizione e la valorizzazione di competenze di base e relazionali. “E’ un progetto sperimentale” spiega l’Assessore Gaeta “che coinvolgei giovanissimi di tutta la Città presi in carica dai servizi sociali territoriali, primi attori di questa programmazione che vede il coinvolgimento diretto di enti del terzo settore e mondo dell’imprenditoria napoletana. Abbiamo messo in campo questa progettazione per andare incontro alle esigenze concrete e reali dei ragazzi, e al tempo stesso per intervenire in un settore ad alta fragilità, quello dei figli innocenti di situazioni multiproblematiche”.I settori prescelti sono i servizi turistici, le produzioni alimentari, la ristorazione, i servizi alla persona, gli impianti elettrici ed i servizi di estetica come parrucchiere ed acconciatore;  ragazzi avranno un “contratto formativo” che consentirà una concreta esperienza di lavoro nell’impresa, finalizzato all’inserimento lavorativo, o al rientro nel percorso scolastico.Una risposta concreta, dunque, per tracciare strade che possano arricchire di esperienze positive i giovani di Napoli e offrire loro competenze da spendere realmente nel mercato del lavoro.


 

 

{youtube}A2fjXtdhU0k{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments