NAPOLI – Meritato riconoscimento per il Colonello e Presidente dell’Associazione Culturale “l’Era della Stella Polare” Vincenzo Scancamarra che nel Ventesimo Anniversario della storicizzata manifestazione ha ottenuto il prestigioso Premio “Buona Sanità 2018”.

Così durante la bella cerimonia di consegna dei premi svoltasi nel Teatro Mediterraneo alla Mostra d’Oltremare, la motivazione per il professore Scancamara è stata “Quale pubblico riconoscimento per essersi distinto professionalmente con dedizione interiore rendendo più efficace e generoso il proprio operato perseverando nel bene”. Felice per la preziosa attestazione ricevuta, il neo premiato si è subito rivolto all’organizzatrice e presidente A.b.s Mariarosaria Rondinella con parole di ringraziamento e di elogio. “Grazie per il ‘premio’ – ha detto Scancamarra- ti assicuro che lotterò accanto a te con tutte le mie forze affinché il tuo obiettivo nobile ed umanitario per una Sanità uguale per tutti in Italia sia presto realizzato”. “Non solo mala sanità- si legge in una nota del presidente de “L’Era della Stella Polare”- accanto ai tristi episodi che talvolta riempiono le pagine di cronaca nera, ci sono tanti professionisti che lavorano duramente per «erogare salute». La buona sanità c’è, ed è tanta. A volte però fa meno rumore: eppure ci sono tanti medici che fanno della propria vita una missione, tanti casi di guarigioni difficili, tante testimonianze di come anche il mondo della sanità accolga tante «eccellenze comuni». Un vero e proprio esercito pronto a regalare vita e salute, impegnato 365 giorni all’anno in qualsiasi condizione e luogo; un esercito a volte dimenticato e vessato”.
“Ringrazio la Presidente Rondinella e l’amatissima Olga Narciso- ha detto ancora Scancamarra- per avermi voluto riconoscere questo premio che accetto inaspettatamente per il solo fatto di portare alto il nome della Sanità campana nella Repubblica Popolare Cinese. Grazie a tutti i medici e operatori del settore che silenziosamente e a riflettori spenti assicurano dietro le quinte la Buona Sanità”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments