1067_0

SAN GIORGIO A CREMANO- Si chiude in bellezza la rassegna “Natività Vesuviana 2015/2016” promossa dalla Città di San Giorgio a Cremano per volontà del sindaco Giorgio Zinno. Stasera, 5 gennaio, la vigilia dell’Epifania, una serata interamente dedicata ai bambini:

la Play Toy Orchestra, il primo gruppo al mondo che si esibisce suonando su strumenti giocattolo, sarà protagonista di un concerto a partire dalle 18 nella Biblioteca di villa Bruno. Colonne sonore dei film e dei cartoni animati, jingle pubblicitari di successo, le atmosfere esotiche del mambo e della bossa nova per un evento che coinvolgerà grandi  piccoli. Un viaggio insolito nella musica per vivere insieme alle famiglie sangiorgesi la vigilia di una delle Feste più amate dai bambini.La band, composta da 6-8 musicisti, passerà dall’easy jazz alla Tarantella di Rossini, da Ennio Morricone al Rondò alla Turca di Mozart, e ancora, Beethoven, Brahms e Johan Strauss. Il tutto con giocattoli dai suoni che faranno riscoprire quel mondo dell’infanzia, età dell’energia creativa, della fantasia e della libertà. La Playtoy Orchestra ha calpestato i palcoscenici di tutto il mondo: dal Portogallo alla Tunisia, dalla Colombia alla Corea del sud, dal Lussemburgo all’Albania, dalla Francia alla Polonia. Il 6 gennaio, sempre nella Biblioteca di villa Bruno, alle 17.30, Gran Concerto dell’Epifania con “La piccola cantata del buon augurio”, a cura del Forum cittadino delle Associazioni e dell’associazione Punto e a Capo.Fino al 12 gennaio poi sarà ancora possibile visitare le mostre “Anch’io presepio” – XXIII edizione a cura della sezione di San Giorgio a Cremano dell’AIAP, nell’Arena Diana di villa Vannucchi, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20; “Non mi resta che… vignettarlo – Mostra itinerante di vignette e caricature di Massimo Troisi” a cura di Peppart, nei giorni ed orari di apertura della biblioteca.”Natività Vesuviana 2015-2016 ha prodotto ottimi risultati – fa sapere il Sindaco Giorgio Zinno – quest’ anno  a San Giorgio a Cremano abbiamo goduto dell’atmosfera festosa tipica del Natale, mettendo insieme le associazioni, i nostri talenti artistici e le scuole. Abbiamo organizzato eventi gratuiti per tutti: dai concerti in piazza, alle mostre di presepi, dai mercatini al villaggio di Babbo Natale. E poi ci sono state decine di iniziative in villa Falanga, con la Città dei Bambini e all’Unicef. Anche il commercio ne ha beneficiato. Gli eventi organizzati per tutta la durata delle feste di Natale – conclude il Primo Cittadino –  hanno fatto sì che la gente vivesse la nostra città, all’aperto e per le strade”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments